Confermata squalifica a Ibrahimovic

23 febbraio 2012 18:250 commenti

Zlatan Ibrahimovic non giocherà la partita al vertice con la Juventus in programma sabato sera allo stadio Meazza. Oggi pomeriggio è infatti arrivata la decisione ufficiale della Corte di Giustizia Federale che ha respinto il ricorso presentato da Leandro Cantamessa, avvocato del club rossonero, e confermato i tre turni di stop inflitti al calciatore svedese, espulso nel match contro il Napoli del 5 febbraio scorso per aver colpito a gioco fermo il calciatore partenopeo Salvatore Aronica con una manata al volto.

Nei venti minuti di udienza sul caso, il legale rossonero, pur portando a conoscenza dei giudici numerosi casi di riduzione di pena per episodi simili, non è riuscito a convincerli della propria tesi difensiva con la quale si cercava di evidenziare come il gesto del calciatore svedese non potesse considerarsi un atto violento, ma andasse invece catalogato come condotta antisportiva, con conseguente riduzione della sanzione a due turni di stop. Probabile che nella decisione dei giudici abbia influito l’aggravante costituita dal fatto che l’episodio sia avvenuto a gioco fermo, motivo per cui non si è tenuto conto del precedente costituito dall’episodio dello scorso anno in cui proprio Ibra colpì a gioco in corso il difensore Marco Rossi, venendo prima squalificato per tre turni e poi graziato con la riduzione.

Pronta la reazione del Milan, che è stata resa nota con un comunicato apparso sul sito ufficiale del club: “La decisione della Corte di Giustizia Federale è ingiusta, perché ha applicato una sanzione destinata agli atti violenti, ad un atto che violento non è stato. È un grave errore giuridico”.

Tags:

Lascia una risposta