Cos’è la formula E

14 settembre 2014 16:370 commenti

La Formula 1 è quella che siamo abituati a vedere, il famoso Circus. Esiste poi la Formula 3 che rimanda la memoria indietro negli anni del miglior pop tricolore. Esiste infine la Formula E, che siamo costretti per curiosità a spiegarvi.

hamilton_corea_formula_1_pioggia_getty

La Formula E è una particolare disciplina sportiva, dove E sta per elettriche. Sta per partire infatti un nuovo campionato di automobilismo dedicato alle macchine ad alimentazione elettrica. In questo campionato, a guidare le monoposto sono diversi ex piloti di Formula 1. La prima gara si è disputata a Pechino.

> Classifica dei migliori piloti di Formula 1 di tutti i tempi

In Cina, anche la location è emblematica, si è disputata la prima gara di Formula E, una competizione di respiro internazionale dedicata alle macchine da corsa con alimentazione elettrica, organizzata dalla FIA, la Federazione internazionale dell’automobile, che organizza anche il campionato di Formula 1.


> Campionato Formula E dal 2014

La prima gara di Pechino è stata vinta da un pilota brasiliano, Lucas Di Grassi, che ha guidato una macchina dell’Audi Motorsport Abt. Le auto ammesse a partecipare alla gara devono avere soltanto l’alimentazione elettrica. Il campionato, iniziato a Pechino, durerà fino al 27 giugno 2015. I Gran Premi, in tutto, sono 20 e si disputano principalmente su circuiti cittadini ricavati dalle strade urbane delle città. Si gareggerà per esempio a Miami, Berlino e Londra.

A livello tecnico gli organizzatori fanno notare che i motori elettrici montati su queste monoposto sono di circa 200 kilowatt e sviluppano ben 270 cavalli di potenza raggiungendo una velocità massima di 225 chilometri orari. La Formula 1 tradizionale arriva ad una velocità di 350 chilometri orari.

Una squadra che ha preso parte al nuovo campionato di Formula E appartiene a Jarno Trulli, ex pilota abruzzese che guida la sua monoposto. Nella competizione c’è spazio anche per due donne, Michela Cerruti, italiana e Katherine Legge inglese.






Tags:

Lascia una risposta