Il 2012 di Leo Messi

31 dicembre 2012 11:420 commenti

Cosa altro si può dire su Leo Messi? Sembra che sia stato già detto tutto, malgrado questo campionissimo abbia almeno 10 anni di carriera davanti a sé.

Leo Messi ha dimostrato anche nel 2012 di essere un predestinato, uno che sin da giovanissimo è stato già capace di entrare nell’Olimpo degli Dei passando dalla porta principale.

 

Si merita il titolo di miglior sportivo del 2012 per alcuni semplice motivi. Ha vinto il suo terzo pallone d’oro consecutivo, e non è detto che faccia poker, ma soprattutto ha centrato il record di 86 gol realizzati in un anno solare. Un primato conquistato segnando una rete in più rispetto al tedesco Gerd Muller, che deteneva il record dal 1972. Ci sono voluti trent’anni per eguagliarlo e superarlo. E non poteva che riuscirci Leo Messi.

E’ successo a Siviglia, il 9 dicembre, nella sfida tra Betis e Barcellona.

E’ successo nonostante gli imprevisti, perché Lionel Messi è sceso in campo malgrado fosse condizionato da un infortunio. Una botta presa in Champions, che però non gli ha impedito di realizzare una storica doppietta.

I più esigenti, o forse i maligni, continuano a ripetere che a Messi manca solo una conquista, la più importante, per entrare definitivamente sul podio degli Dei calcistici di ogni tempo (un podio che è già occupato per quanto riguarda i gradini più alti da Diego Maradona e Pelè, sudamericani come lui): la vittoria del Mondiale con l’Argentina.

Tags:

Lascia una risposta