Il Milan batte la Juve sotto gli occhi di Van Basten

26 novembre 2012 19:100 commenti

San Siro, Domenica 25 novembre 2012. Il Milan, sotto di 17 punti in classifica, affronta la capolista: la Juventus di Antonio Conte (sostituito in panchina da Angelo Alessio).

Il Milan ha in tribuna uno spettatore speciale dalla sua: quel Marco Van Basten che vent’anni fa, nella stessa data mandò in visibilio San Siro con quattro gol al Goteborg.

Per Allegri è un’occasione speciale, anche per ricucire il rapporto con Berlusconi (atterrato come tradizione vuole il giorno prima a Milanello per salutare e incoraggiare la squadra), minato da troppe incongruenze caratteriali e da idee talvolta discordanti sulla formazione e sullo “stile”.

► Cosa fa oggi Marco Van Basten?

I rossoneri avevano bisogno dei tre punti e i tre punti sono arrivati, grazie a un rigore trasformato da Robinho. Un rigore molto dubbio, arrivato nel primo tempo: Nocerino colpisce di testa in area e Isla respinge di mano, secondo l’arbitro Rizzoli che dopo un attimo di esitazione indica il dischetto. La moviola della 14esima giornata dirà che in realtà Isla ha colpito con l’ascella il pallone. Rigore inesistente, che Buffon intuisce ma non blocca. Milan avanti e Juve cupa, che non riesce a pareggiare.

Un secondo tempo blando vede i bianconeri all’assalto e il Milan pronto a colpire in ripartenza grazie anche a un ottimo Montolivo, capitano e migliore in campo dei suoi insieme a De Sciglio. Finisce uno a zero. Il talismano Van Basten ha portato bene!
Tags:

Lascia una risposta