Home / Sport / Invece di restituire la palla segna. La Uefa punisce Luiz Adriano

Invece di restituire la palla segna. La Uefa punisce Luiz Adriano

Il contrario del fair play? Forse la furbizia. Forse l’arroganza. Non certo l’ingenuità.

Così, per Luiz Adriano, reo commesso di aver segnato un gol che rasenta l’anti-sportività, si mette male.

Tutto è successo ieri nella gara tra Nordsjaelland-Shakhtar (nello stesso girone della Juve che ieri ha strapazzato il Chelsea).

I danesi erano in vantaggio per una rete a zero, quando Luiz Adriano ha deciso di segnare un pallone lanciato dal centrocampista Willian. Fino a qui tutto bene, se non fosse che Willian aveva restituito il pallone al portiere avversario. Tutti sono rimasti di stucco quando hanno visto che Adriano si è inserito nell’azione con tutti gli avversari fermi e ha scartato il portiere (anche lui fermo) segnando a porta vuota un gol che lo dovrebbe far vergognare.

La Uefa non ci ha pensato su e ha annunciato di aver aperto un procedimento disciplinare nei confronti dell’attaccante del team russo.

L’accusa? aver violato l’articolo 5, che regola i principi di condotta in base ai Regolamenti Disciplinari Uefa. Il suo caso verrà discusso dalla Commissione Disciplinare e di Controllo dell’Uefa il 27 novembre prossimo.