Mourinho-Chelsea e Guardiola-Manchester City: si può fare

6 dicembre 2012 17:500 commenti

Il valzer degli allenatori sulle migliori panchine europee ha inizio. In ballo ci sono grossi nomi e grosse società pronti ad accaparrarseli.

Su tutti José Mourinho e Pep Guardiola. Lo Special One non ha un rapporto sereno con il Real Madrid e poi si sa, è uno che spesso vuole cambiare aria. In passato Mou non ha fatto mistero di voler tornare ad allenare in Inghilterra, magari al Chelsea.

Lo diceva spesso anche durante il biennio in cui allenava l’Inter. Ad Appiano Gentile Mou, che è rimasto nel cuore dei tifosi in virtù della conquista dello storico triplete nel 2010, ha spesso detto di sognare il ritorno in Gran Bretagna.

 Guardiola in Italia?

Da par suo Roman Abramovich non ha mai fatto mistero di amare il suo modo di allenare, le sue tattiche, il suo carisma e la sua intelligenza sopraffina. Così, a poche ore dall’eliminazione in Champions League, i campioni in carica della competizione si preparano a un futuro di gran classe e il nome di José Mourinho è stato fatto molte volte di recente a Stamford Bridge.

Anche il Manchester City cerca un nuovo tecnico. Roberto Mancini ha fallito l’obiettivo Champions anche quest’anno e la vittoria in Premier della scorsa stagione potrebbe non bastare a farlo ‘campare’ di rendita sulla panchina del club. Così si fa il nome di un disoccupato di lusso, che piace a mezza Europa e che è considerato (alla pari con Mourinho) il miglior tecnico sulla piazza mondiale: Pep Guardiola sta per terminare il suo anno sabbatico e tutto fa pensare che da qui a poco il telefono del fratello procuratore squillerà molto spesso. Chi lo sa, dall’altro capo della cornetta potrebbe esserci una voce che parla in inglese con accento di Manchester..

Tags:

Lascia una risposta