Nuovo giallo nel caso Pantani: il fax cambia l’ora del decesso

13 ottobre 2014 13:130 commenti

Il giallo sulla morte di Pantani continua ad ossessionare la famiglia. Adesso spunta un fax, dimenticato tra le carte processuali dove l’ora del decesso è stata cambiata. Il mistero s’infittisce dopo le nuove accuse di omicidio.

Ormai Marco Pantani è morto da 10 anni e si potrebbe tranquillamente lasciare che la memoria delle sue imprese superi il fango gettato sulla sua carriera dal doping. Eppure, da quando la procura ha riaperto l’indagine a suo carico con l’ipotesi di omicidio, sul Pirata si è detto di tutto. Adesso sotto i riflettori c’è un fax.

Un documento che era stato dimenticato tra le tante carte che hanno affollato l’indagine. Sembra che il fax sia stato inviato il 16 febbraio alle 20.50, quindi 48 ore circa dopo il ritrovamento del cadavere del ciclista. Il mittente di questo fax è Giuseppe Fortuni e il destinatario invece è Paolo Gengarelli. Il primo è un medico legale, l’altro è il magistrato che insieme a Fortuni ha presieduto l’autopsia sul corpo del Pirata.


Il fax è definito “riservato ed urgente” e c’è scritto che il decesso si può datare intorno alle ore 17 del 14 febbraio e può essere imputato d un collasso cardiocircolatorio terminale. Fin qui niente di strano. Eppure, a ben guardare le 240 pagine del rapporto completo sulla morte di Pantani, depositato un mese dopo la morte del ciclista in questione, si indica la data del decesso tra le 11.30 e le 12.30 del 14 febbraio. Orario pressoché confermato anche da un consulente della famiglia Pantani.

Perché tanta incongruenza tra le due date e quale sarebbe più affidabile? Per scegliere, forse, ci si può concentrare su un altro particolare, anche se sta agli inquirenti capire quanto possa essere valido per l’inchiesta. Quanto il cadavere di Pantani è stato ritrovato, al polso aveva un orologio Daytona cui il campione era molto affezionato. L’orologio era fermo alle cinque meno cinque. Perché proprio all’ora indicata da Fortuni?

Le domande da sciogliere intorno al caso Pantani sono ancora tante: c’è da scoprire chi sia entrato prima e chi dopo il decesso del campione nella sua camera e poi anche chi ha messo in scena il ritrovamento del cadavere.






Tags:

Lascia una risposta