Home / Sport / Nuovo Stadio Milan: guardate che nomi si fanno

Nuovo Stadio Milan: guardate che nomi si fanno

E’ stato confermato l’accordo di Barbara Berlusconi (Lady B.) con Emirates, che sarà il main sponsor del prestigioso e ambizioso progetto del nuovo stadio dedicato al Milan. Il contratto tra le parti include anche la postilla che assegna alla compagnia aerea araba la scelta esclusiva del nome da dare allo stadio. Dunque l’impianto sportivo dei rossoneri si chiamerà proprio Emirates?

E’ verosimile pensare di si, proprio come è avvenuto a Monaco con Allianz Arena (la compagnia assicurative sponsor della squadra è diventata appunto anche il nome dello stadio tedesco). Intitolarsi lo stadio, location di eventi calcistici di risalto internazionale, è senza un dubbio un riconoscimento in termini di prestigio e di marketing (non che Emirates abbia bisogno di farsi conoscere), che può giustificare l’investimento economico ingente di Emirates nel progetto. A breve comunque sapremo quale è il nome ufficiale scelto per lo stadio del Milan: pare infatti che lo sponsor stia vagliano una naming list con alcune proposte alternative. Quasi sicuramente comunque nell’intestazione del nuovo stadio figurerà il nome della compagnia aerea, resta però da capire se si leggerà da solo o affiancato invece ad altre parole o sigle. Ma quasi tutti sono concordi nel ritenere che si chimaerà semplicemente “Emirates”. E nel frattempo cresce la curiosità e l’ansia dei tifosi. L’inaugurazione ufficiale dell’arena sportiva rossonera è prevista per il 2019 (con un margine di ritardo nel progetto stimato ad un anno). La deadline del progetto quindi è stata confermata al 2020. La location dovrebbe essere quasi sicuramente zona Portello. Il progetto prevede una capienza di 42 mila posti e sarà costruito 15 metri sotto il livello stradale per rispettare i vincoli urbanistici. Tutti i dettagli comunque arriveranno tra Febbraio e Marzo: in attesa della decisione ufficiale attendiamo aggiornamenti sul nome e altre indiscrezioni. Almeno sullo stadio in casa Milan regna l’ottimismo. Per tutto il resto, i tifosi hanno solo da piangere.