Quella volta di Italia-Germania 4 a 3

31 agosto 2014 21:490 commenti

Giocare una finale o anche una semifinale nel Campionato del mondo di calcio deve essere una delle esperienze più emozionanti per un giocatore, perché si ha tutto il peso della maglia e si vuole arrivare in vetta al mondo.

kramer

A ricordarla la partita! Kramer, per esempio, il centrocampista tedesco che durante la finale ha battuto la testa in un contrasto aereo con Garay, non ricorda proprio nulla dell’ultima partita che, peraltro, la sua nazionale ha anche vinto. Eppure la Germania di partite da ricordare e tramandare ne ha parecchie.

> Kramer è campione del mondo ma non lo ricorda

Un ricordo che la Germania condivide con noi tifosi italiani, anche se per noi è un bel ricordo e per la nazionale tedesca un po’ meno, è il famoso Italia-Germania 4 a 3, una sfida epica che ha avuto perfino una trasposizione filmica.

Alla storia passa come “partita del secolo” quella semifinale che hanno disputato nel 1970 nella Coppa del Mondo in Messico. Si è giocato mercoledì 17 giugno e l’Italia ha incontrato la nazionale della Germania dell’Ovest allo stadio Azteca di Città del Messico.

Come al solito gli italiani avevano attirato tante polemiche perché si erano qualificati primi nel girone senza esprimere un bel gioco, poi nei quarti di finale l’Italia ha battuto il Messico. La Germania era stata molto più brillante vincendo addirittura contro i campioni in carica dell’Inghilterra.

Per l’Italia hanno segnato Boninsegna dopo otto minuti in combinazione con Riva. Poi però due minuti dopo i tempi regolamentari, Shnellinger al suo unico goal in nazionale, riapre la partita. Si va ai supplementari. Il primo a segnare è Muller, cui risponde Burgnich. Poi l’Italia con un contropiede di Riva va addirittura in vantaggio ma Seeler pareggia i conti. Soltanto un tiro piatto di Rivera riesce a portare l’Italia di nuovo in vantaggio e verso la finale dopo 32 anni.

Tags:

Lascia una risposta