Roma 2020: no definitivo di Monti

14 febbraio 2012 16:070 commenti

Oggi il premier Mario Monti ha sciolto i dubbi riguardo la candidatura di Roma alle olimpiadi del 2020, decidendo di non firmare la lettera di garanzia a supporto della città eterna.
I motivi sono facilmente intuibili, e riguardano i noti problemi di bilancio italiani che non permettono rischi così grandi negli investimenti, che tra l’altro è stato già calcolato superiori ai ricavi.
Inoltre, con le note abitudini dei politici italiani a gonfiare le spese e agli inciuci, non si vuole ripetere la negativa esperienza greca, dove le olimpiadi sono costate moltissimo alle casse elleniche senza avere ne un ritorno economico, ne a livello di infrastrutture. Infatti, anche se Roma potrebbe giovarne nelle infrastrutture, non sono pochi quelli che non riescono a fidarsi, viste le esperienze di Italia 90, con costi anche cinque volte superiori a quelli preventivati.
La decisione è stata presa oggi all’ora di pranzo dopo un incontro tra lo stesso Monti e il sindaco di Roma Alemanno, il presidente del CONI Gianni Petrucci e i presidenti del comitato organizzatore Gianni Letta e Mario Pescante. Vista la situazione economica attuale, la decisione appare più che giusta.






Tags:

Lascia una risposta