Tag: aggressione

aggressione

Bologna, donna ubriaca per una birra distrugge il bar facendo migliaia di euro di danni

Nel quartiere Barca, periferia di Bologna in un bar di via Tommaseo è successo il finimondo. Una donna di 42 anni, entrata nel locale col marito distrugge il locale facendo migliaia di euro di danni. Il tutto si è realizzato in seguito al rifiuto iniziale del marito di pagarle una birra, poi consumata regolarmente dalla donna e pagata dal compagno. La donna che era entrata nel locale già visibilmente alticcia al rifiuto dell’uomo, dopo aver consumato con calma la birra, è impazzita ed ha iniziato a lanciare per aria i piatti, ha rotto il monitor della cassa con un pugno ed ha addirittura lanciato una sedia e degli oggetti contro il titolare del bar e sua madre.
Infine, per concludere nel migliore dei modi la serata l’ha minacciato di morte.
Gli altri clienti del bar hanno chiamato la polizia, la quale è intervenuta sanzionando per danneggiamento, minacce, percorse e come atto finale resistenza a pubblico ufficiale la donna.

Ragazza non smette di canticchiare il “pulcino Pio” e viene picchiata da un passante

Chi è che non conosce il tormentone dell’estate? Il pulcino Pio, la canzone che ha fatto il boom questa stagione estiva 2012. Come tutti i tormenti, anche il Pulcino Pio è stato amato e allo stesso tempo odiato, e lo è tuttora. L’unica cosa da fare, nel caso in cui il nostro vicino di casa o di ombrellone si diverte sulle note nel Pulcino, è sopportare e accettare i gusti altrui. Questo tipo di comportamento sta alla base del vivere civile, ma non tutti hanno lo stesso livello di sopportazione.
A Polignano a mare, infatti, una ragazza di 15 anni era intenta a canticchiare per le strade della località marina, l’odioso motivetto quando un ragazzo l’ha aggredita pur di farla smettere. In un primo momento l’aggressore l’ha esortata a smettere di cantare, ma la noncuranza della ragazzina ha fatto sì che il ragazzo alzasse le mani e la schiaffeggiasse. Questa è la dimostrazione che non tutti apprezzano il Pulcino Pio.

Donna incinta violentata, stacca il pene del suo aggressore a morsi

Nella città di Iskitim, in Russia è accaduto un episodio agghiacciante, con un finale quasi tragico, almeno per l’autore del deplorevole gesto. Un uomo di 29 anni si è introdotto in una sauna, dove ha violentato e picchiato una donna incinta. Svetlana, la vittima, gestiva la sauna e al momento dell’aggressione stava dormendo, essendo notte fonda. Il malintenzionato ha forzato l’ingresso e vi si è introdotto malmenando la donna, incinta di 3 mesi e costringendola addirittura al sesso orale. È stata proprio quest’ultima la mossa che lo ha condannato.
La donna infatti pur di difendersi e di sfuggire al suo aggressore ha preso a morsi il suo pene, fino a staccarne un pezzo. L’uomo è fuggito via dolorante ed è andato in ospedale dove è stato fermato dalla polizia, che intanto, era stata allertata da Svetlana. L’uomo avrebbe confessato e arrestato. La vittima, purtroppo ha perso il bambino a seguito dell’aggressione.