Home / Tag Archives: ragazza

Tag Archives: ragazza

ragazza

Operata d’urgenza: le trovano una palla di gesso e capelli

Una ragazza di 19 anni della cittadina di Indore (India) per un forte malore all’altezza dello stomaco non è riuscita nè a mangiare nè a bere per circa cinque giorni. I suoi genitori, preoccupati per la situazione, hanno deciso di portarla all’ospedale dove i medici, mediante specifici esami, hanno scoperto una cosa molto particolare. Nell’intestino della ragazza infatti c’era una palla di capelli e gesso di quasi 2 kg. I chirurghi dell’ospedale hanno dovuto operare d’urgenza la ragazza perché a causa di questo “tappo” ha rischiato di andare incontro alla morte. In seguito all’operazione i medici ed i genitori hanno parlato con la ragazza per scoprire il motivo ed è venuto alla luce che durante l’orario scolastico essa mangiasse una mistura fatta di capelli e gesso. La ragazza, secondo quanto riporta il noto giornale Daily Mail, ora sta meglio e si è completamente ripresa dall’operazione. Però, ovviamente, dovrà cambiare il suo particolare regime alimentare.

Leggi

Ventiduenne si tatua il nome del fidanzato sull’ano

Gli appassionati di tatuaggi e i tatuatori hanno un debole per questo tipo di arte, il tatuaggio, e amano destreggiarsi nella creazione di soggetti particolari e complessi. Coloro che amano farsi tatuare, invece, fanno a gara per cercare l’angolo più strano del proprio corpo su cui marchiarsi a vita. C’è chi si tatua la testa, chi è arrivato addirittura a tatuarsi all’interno dell’occhio, ma negli ultimi giorni sta girando la notizia di una ragazza che si è fatta tatuare nientepopodimeno che sull’ano. La ragazza in questione si chiama Maria Louise Del Rosario, ha 22 anni ed è davvero molto bella. La donna si è fatta riprendere mentre un esperto tatuatore le imprimeva il marchio su quell’angolo così inusuale del suo corpo. Il tatuaggio in questione è il nome del suo ragazzo, ma non è ben chiaro se si è trattato di un gesto d’amore o di uno sfregio. Maria Louise è balzata subito all’attenzione del web e la sua scelta ha suscitato un acceso dibattito tra i suoi sostenitori e coloro che l’hanno criticata.

Leggi

Suicida a 16 anni perché credeva nella fine del mondo

Una povera adolescente di Neston ha messo fine ai suoi giorni per un’assurda convinzione. La ragazza, di nome Isabel Taylor, era convinta che di lì a pochi mesi il mondo sarebbe finito a causa di una catastrofe nucleare che avrebbe disintegrato ogni cosa ed ogni essere vivente sulla terra. La ragazza si è suicidata impiccandosi nella casa in cui viveva con i suoi genitori. Già da tempo la ragazza era ossessionata da ipotesi di complotti mondiali, cataclismi e morte. Continue erano le ricerche sul web, tramite cui le sue idee si rafforzavano. Nel suo vivere quotidiano era diventata triste, spenta e senza energia, i suoi discorsi sembravano assurdi agli occhi dei genitori Ingrid e Gray, che mai però, avrebbero pensato che la ragazza potesse compiere un atto così estremo. Secondo i genitori la loro figlia non vedeva un futuro e la sua idea di un’imminente apocalisse era così radicata nella sua memoria da renderle impossibile l’attesa. Probabilmente la povera Isabel, vittima di se stessa, ha preferito farla finita subito.

Leggi

Figlia scopre che i genitori sono due scambisti

Spesso i propri genitori sono presi come modello di vita e mai si penserebbe che essi possano condurre una vita, per così dire parallela a quella di cui si ha conoscenza. Ed invece, a volte, la vita può sorprenderci e il caso può farci venire a conoscenza di cose che mai avremmo pensato. Una ragazzina tedesca di 15 anni ha scoperto che i propri genitori sono due scambisti. L’adolescente era davanti alla tv e stava guardando un documentario sullo scambismo, quando tra le persone intervistate sono apparsi, proprio sua mamma e suo padre. La ragazza scioccata ne parla subito con i genitori che messi davanti al fatto compiuto non potevano mentire. Il disagio causato alla loro figlia, però, li ha spinti a intentare una causa contro la Rtl, la tv responsabile di aver mandato in onda il documentario. I genitori hanno sostenuto di aver accettato l’intervista solo perché avevano avuto la certezza che i loro volti fossero oscurato. Il giudice ha compreso umanamente i due genitori, ma dal punto di vista legale non ha ritenuto valide le loro accuse.

Leggi

Vende i suoi capelli e acquista una casa per la famiglia

Natasha Moraes de Andrade ha un grande tesoro, o meglio lo aveva, i suoi capelli. La bambina di soli 12 anni aveva dei capelli lunghissimi, arrivati a misurare addirittura circa un metro e mezzo. Natasha però ha deciso di tagliarli in quanto, per farlo le sono stati offerti circa 3000 sterline. Ora con ciò che ha ricavato dal taglio della sua folta chioma ha potuto acquistare una degna casa per lei e la sua famiglia. La storia di Natasha, infatti, non è solo una storia da guinness, ma anche una storia di estrema povertà. La giovane viveva, infatti, in una baraccopoli con i suoi genitori e i suoi fratelli. Grazie a questo netto taglio, la sua divnterà una vita più normale, prima di tutto perché finalmente vivrà in una casa dignitosa, ma anche perché senza tutti quei capelli non impiegherà più 4 ore per lavarli e asciugarli e potrà fare sport, andare in bici e fare tutte quelle attività che prima non poteva fare.

Leggi

La ragazza chiusa in manicomio perché vomita 15 volte al giorno

Esistono malattie così rare e incredibili che, a volte, neanche dei medici bravi nel proprio lavoro sono in grado di scoprire. Anzi, spesso si rischia, addirittura di fare degli errori nella diagnosi e finire per dare delle cure che non sempre sono adeguate al tipo di disturbo manifestato. Ciò è accaduto ad una ragazzi di 15 anni , proveniente da Birmingham, nel West Midland. La ragazza di nome Lyam Baker è affetta da una strana patologia, che solo in seguito si è scoperta essere denominata “sindrome del vomito ciclico”. Lyam, infatti, è presa da continue crisi che la portano a vomitare. Di crisi ne ha anche 15 al giorno ed è arrivata, addirittura ad assomigliare ad uno scheletro dato il suo eccessivo dimagrimento. I medici dell’ospedale in cui era in cura hanno ricondotto il suo disturbo alimentare ad un disturbo mentale per cui ne è stato ordinato l’immediato ricovero in una clinica psichiatrica. Per sei mesi la povera Lyam è stata rinchiusa, ma ora finalmente, i genitori sono riusciti a convincere il medico che l’aveva ricoverata nell’ospedale psichiatrico che i suoi violenti attacchi non possono essere curati in un centro di recupero e per fortuna tra qualche giorno la giovane potrà uscire.

Leggi