Home / Tecnologia / Anche la Luiss ha la sua (Super)App: un aiuto per gli studenti

Anche la Luiss ha la sua (Super)App: un aiuto per gli studenti

Se ai nostri tempi avessimo avuto a disposizione le nuove tecnologie che ci sono oggi sarebbe stato tutto molto più semplice. L’innovazione va avanti, anche in Italia, e anche in ambito istruttivo-formativo e capostipite di questo processo innovativo è l’università Luiss Guido Carli di Roma che ha appena lanciato la sua piattaforma che agevolerà gli studenti nel vivere meglio la vita universitaria e restare sempre informati sulle notizie utili inerenti all’Ateneo: SuperAppLuiss, infatti, permetterà a tutti gli studenti di gestire la propria carriera universitaria al meglio. 

L’obiettivo è quello di capovolgere totalmente il paradigma e l’approccio dello studente verso l’Università, come ha affermato il direttore generale della Luiss Giovanni Lo Storto, il quale annovera tra i principali vantaggi della piattaforma quello di “trasformare ciò che apparentemente è un portfolio di servizi in uno strumento interattivo e personale, grazie al quale ciascuno può scoprire nuove potenzialità di condivisione e socializzazione, contribuendo così a rafforzare e potenziare la dimensione digitale del campus”.

Attraverso SuperAppLuiss sarà così possibile avere tutto ciò che ruota attorno alla Luiss a portata di mano, semplicemente consultando il proprio smartphone e connettendosi all’applicazione dell’ateneo. Si potrà così gestire il ride-sharing – la condivisione di posti auto per gli spostamenti – o sfruttare il servizio Lost&Found per ritrovare oggetti smarriti, o ancora gestire il proprio catalogo prestiti in biblioteca o consultare la disponibilità di testi e documenti.

Per il responsabile dell’applicazione, Gianluca Monteleone, SuperAppLuiss consentirà agli studenti di “migliorare le regole di convivenza all’interno dell’ateneo” e i servizi finora offerti rappresentano solo il primo gradino di un processo in atto, che proseguirà con l’abilitazione dei pagamenti online tramite smartphone. Insomma, all’università Luiss Guido Carli il futuro è già adesso.