Apple blocca la vendita dell’iPhone 4S in Cina

13 gennaio 2012 14:220 commenti

In Cina l’entusiasmo per l’arrivo dell’iPhone 4S della Apple è stato altro.

Anche troppo. E così l’azienda di Cupertino è stata costretta a ritirare il prodotto proprio nel giorno del suo lancio. Gli incidenti si sono verificati all’Apple Store di Sanlitun, a Pechino. La fila degli aspiranti acquirenti davanti al negozio per aggiudicarsi il primo acquisto era cominciata fin dalla sera precedente. La nottata era stata difficile con temperature molto basse (9 gradi sottozero) e la mattina il nervosismo ha cominciato a farsi sentire.

L’orario di apertura previsto erano le 7 della mattina, ma alle 7.40 le porte dell’Apple Store erano ancora chiuse con notevole disappunto della folla che ha cominciato a gettare contro le vetrine del negozio oggetti vari e uova. È stato chiaro che a quel punto la situazione poteva sfuggire di mano e alle 11 è stato annunciato che non ci sarebbe stata nessuna apertura. La società di Cupertino ha dichiarato in un comunicato che l’iniziativa è stata necessaria per “garantire la sicurezza dei nostri clienti e dei nostri impiegati”.


Molti cittadini in fila (circa 60) che avrebbero fomentato i tafferugli non erano poi semplice acquirenti, ma sarebbero stati assoldati da rivenditori locali per acquistare lo smartphone a rivederlo a prezzo maggiorato al di fuori della città. La Apple ha reso noto che a causa della domanda troppo alta, le scorte di iPhone4S  sono esaurite nei negozi anche se resta la disponibilità di acquisto online. ”Sfortunatamente, non abbiamo potuto aprire il nostro negozio di Sanlitun a causa della confusione – si legge nel comunicato – Per assicurare la sicurezza dei nostri clienti e del nostro personale, nel prossimo futuro gli iPhone non saranno disponibili nei nostri negozi di Pechino e di Shanghai”.

E non è la prima volta che in Cina si registrano episodi del genere: in occasione del lancio dell’iPhone a Bejing si erano verificati episodi anche piuttosto gravi con la folla che aveva sfondato le vetrine per accaparrarsi lo smartphone.






Tags:

Lascia una risposta