Apple cambia il sistema di sicurezza dopo l’hack di iCloud

5 settembre 2014 11:390 commenti

L’azienda di Cupertino deve recuperare dopo l’incidente degli iCloud che ha visto hackerate tantissime foto di VIP, tra cui il premio Oscar Jennifer Lawrence per cui ha annunciato che migliorerà il sistema di sicurezza.

apple

Tim Cook è stato intervistato dopo il caso delle foto hackerate, prima di un evento molto annunciato legato al nuovo iPhone. L’Ad di Apple ha detto che i suoi stanno già lavorando per la prevenzione di altri episodi di hackeraggio e per questo nelle prossime settimane sarà attivato un nuovo servizio di avvisi di sicurezza per tutti coloro che usano iCloud.

Furto di immagini da iCloud, colpa di Apple?

Il servizio in questione consente di salvare su una nuvola virtuale ti propri file, in modo da averli sempre disponibili, ovunque, sincronizzati con i dispositivi Apple come iPhone, iPad e Mac. I VIP e altri utenti della nuvola di Cupertino si sono lamentati della scarsa sicurezza del sistema.

In realtà Apple ha spiegato che gli hacker hanno trovato il modo di rubare account e domande di sicurezza dei proprietari e sono entrati nei loro profili, impostando nuove password e accedendo a tutti i dati. Insomma, con una banale operazione di phishing è successo il pandemonio.

> Come mettere al sicuro le proprie foto sull’iCloud

Ad ogni modo Apple perfezionerà il sistema degli avvisi di sicurezza di iCloud e tutti gli utenti saranno avvisati con un’email ogni volata che si tenta una modifica della password del loro account oppure il ripristino dei dati tramite il backup online (questa è la novità assoluta). Ci saranno avvisi anche per i collegamenti all’account iCloud da un dispositivo sconosciuto.

Il sistema di sicurezza presentato da Tim Cook sarà pronto nel giro di due settimane e saranno inviati agli utenti anche i riferimenti per mettere al sicuro il proprio account, impostando una nuova password e impedendo l’accesso al proprio spazio a tutti gli account. Cook ribadisce che la tecnologia, per garantire la sicurezza non basta e sarà necessario sensibilizzare gli utenti nella scelta di password sicure.

Tags:

Lascia una risposta