Chi è morto in quella casa? Lo svela Diedinhouse

1 settembre 2014 16:150 commenti

Se qualcuno è morto nella casa che si sta per comprare, è bene saperlo, non tanto perché la casa può perdere il suo valore ma perché siamo un popolo di scaramantici. Oggi un sito web esaurisce questo desiderio informativo, almeno in America.

GOOGLE 00

Negli Stati Uniti è stato pubblicato il sito Diedinhouse.com che indica le persone decedute in un immobile. Un’informazione che molti acquirenti americani trovano importante al momento del passaggio di consegne. Si pensi soltanto che fino a questo momento le persone registrate al servizio sono 118 milioni e tutti s’interrogano sulla storia degli appartamenti, anche prima di prenderli in affitto.

Il servizio rasenta il filo del macabro ma consente anche di capire se ci sono dei precedenti ignoti legati ad un certo immobile. Ed è chiaro che la ricerca non riguarda le morti naturali che avvengono in una casa, ma chi usa Diedinhouse.com vuole sapere se in una casa si è suicidato qualcuno o se è avvenuto un omicidio.

> Zeitgeist, ovvero cosa cercano gli italiani su Google

Ecco fatto, si torna alla classica storia dei fantasmi, alla paura degli spiriti imprigionati all’interno di quattro mura. Una paura ancestrale che non è messa nell’angolo nemmeno durante la compravendita di un immobile. Diedinhouse, in tal senso, offre informazioni che altrimenti un acquirente non riuscirebbe ad avere perché i proprietari non sono tenuti a fornirle.

Il caso che ha fatto venire l’idea al fondatore del sito è quello di una donna del Missouri che ha scoperto visionando un documentario alla tv che la casa che stava per prendere in affitto era la stessa in cui un killer torturava le sue vittime prima di ammazzarle, visto che era la casa della mamma del killer.

Tags:

Lascia una risposta