Cosa prevede l’abolizione delle tariffe di roaming entro il 2015

3 aprile 2014 17:100 commentiDi:

smartphone

Diventerà molto più conveniente telefonare anche quando si è all’estero. Il Parlamento Europeo ha infatti votato a favore dell’abolizione delle tariffe di roaming internazionale, quelle tariffe che vengono automaticamente attivate quando ci si reca all’estero e si utilizza una scheda SIM nazionale. 

E’ intenzione della Commissione Europea, infatti, realizzare un mercato unico delle telecomunicazioni, che si esprimerebbe attraverso la creazione di un unico Continente connesso, in cui i cittadini di tutti gli stati potranno parlare in qualsiasi punto d’Europa pagando la stessa cifra che pagano in patria o quasi.

Nuove tariffe per il roaming nell’UE già in vigore


La nuova regolamentazione dovrebbe entrare in vigore, dopo questo importante voto, entro Natale 2015, con lo scopo di semplificare le procedure e ridurre i costi di connessione per i cittadini europei, al tempo stesso offrendo alle imprese che gestiscono il mercato delle telecomunicazioni, oggi molto frammentato, nuove misure a cui attenersi.

L’abolizione delle tariffe di roaming arriva inoltre nel 2014 come il mantenimento di una promessa fatta dal vicepresidente della Commissione Europea nel 2010. Il progetto è quello di permettere a tutti i cittadini europei di comunicare in mobilità con grande semplicità ovunque si trovino, abbattendo le barriere che ancora impediscono questa possibilità. Entro la fine del 2014, quindi, tutti gli stati appartenenti all’Unione Europea si pronunceranno in merito.

Ma nel testo del nuovo regolamento delle telecomunicazioni non trova posto solo l’abolizione del roaming, ma anche la creazione di una rete internet aperta in cui non sia possibile guastare i contenuti, la concessione delle frequenze per la realizzazione della banda larga senza fili e una maggiore trasparenza nella contrattualistica inerente le telecomunicazioni, compresa la parte che regola il giusto esprimersi della concorrenza tra i diversi gestori.

 

 






Tags:

Lascia una risposta