Dà alla figlia 200 dollari per farle lasciare Facebook

8 febbraio 2013 14:180 commenti

Raramente i figli rifiutano i soldi da parte dei propri genitori. Rachel non smentisce questo stereotipo.

Questa ragazza statunitense ha ricevuto duecento dollari dal proprio papà per impegnarsi in una promessa molto particolare.

La tendenza di offrire denaro ai propri figli è del tutto insolita. I genitori lo fanno soltanto se ricevono in cambio qualcosa: ad esempio papà dà i soldi ai suoi figli per far si che costoro non si facciano un tatuaggio o non bevano super-alcolici.

Rachel, invece, ha ricevuto 200 dollari da suo padre affinché non utilizzasse più Facebook.

Suo padre si chiama Paul Maier ed è un alto dirigente di un’azienda ubicata nel Massachussets. Paul ha deciso di pubblicare sul suo blog lo strano contratto stipulato con Rachel, figlia di quattordici anni.

Il caso ha scatenato all’istante un dibattito.

Le condizioni del contratto

Ecco le condizioni del contratto. Rachel vuole acquistare delle cose, ha bisogno di soldi e si trova costretta ad accettarle. Il padre si dice pronto a finanziarla, ma da esperto uomo d’affari, le chiede un ‘fioretto’ in cambio. Rachel avrà i soldi se si terrà lontana dai Social Network per ben cinque mesi. A Rachel arriverà la prima rata, 50 dollari, non prima del prossimo 26 aprile. Il saldo complessivo non arriverà prima del 26 giugno.

Per impedire che Rachel acceda di nascosto a Facebook, Paul cambierà password all’account.

Ci si chiede se ora questa tendenza sarà abbracciata anche in Europa e qui da noi, in Italia.

Di certo tra Usa e Italia intercorre un’enorme differenza culturale, che si intravede anche da questi gesti.

E poi, forse i genitori americani sono di manica più larga rispetto a quelli del Belpaese.

C’è però da aggiungere un particolare: la proposta non è partita dal padre Paul, bensì dalla figlia Rachel. E’ stata lei stessa a volere il patto.

E quando i 5 mesi saranno finiti? Rachel, ormai disintossicatasi dalla distrazione-Facebook, tornerà ad effettuare il Log-in o abbandonerà per sempre la piattaforma?

Tags:

Lascia una risposta