Home / Tecnologia / Gli italiani preferiscono informarsi su internet e social network: quotidiano cartaceo in pensione

Gli italiani preferiscono informarsi su internet e social network: quotidiano cartaceo in pensione

I quotidiani cartacei rischiano di andare in pensione molto prima del previsto, visto che secondo una ricerca di Newsruption, la maggior parte degli italiani preferisce informarsi su internet e sui principali social networkFacebook in primis ovviamente – sui quali condividono quotidianamente milioni di articoli di loro interesse. Il vecchio quotidiano cartaceo passa ormai così in rassegna, anche se resistono ancora quei 17 italiani su 100 che amano rispettare le vecchie tradizioni. 

Secondo i dati di una di Newsruption, infatti, il 17,6% degli italiani legge ancora i classici quotidiani cartacei, mentre il 75% preferisce tuttavia informarsi su internet, social network e applicazioni di ogni genere, un po’ per la gratuità dell’informazione, un po’ per l’immediatezza nel ricevere la stessa e ancora per la capacità di avere ormai tutto sotto controllo a livello digitale.

Fatto sta che i social network assumono una posizione di rilevante importanza nel campo dell’informazione 2.0: basti pensare che in soli 2 anni, dal 2013 al 2015, la percentuale delle condivisioni degli articoli sui social ha registrato un incremento del 185%, e a oggi si conta una media di circa 30 milioni di share mensili. Il 55% di queste condivisioni riguarda poi articoli online delle versioni web dei vecchi quotidiani cartacei, che sono i più etti e ovviamente i più noti.

Lo studio effettuato da Newsruption, che ha visto collaborare le società Burson-Marsteller – leader nel settore della comunicazione – e Human Highway – leader nel campo delle ricerche sull’economia digitale - è molto interessante anche perché rileva il profondo mutamento dei lettori italiani al tempo dell’informazione (e dell’economia) digitale. Lettura rapida online e condivisione immediata su Facebook sono oggi due parole chiave di cui l’informazione deve tenere conto: anche i classici quotidiani cartacei, ormai diventati quasi un prodotto di nicchia per i lettori del nostro Paese.

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *