Gmail apre a Google +, scopri come difendere la tua privacy

10 gennaio 2014 22:230 commentiDi:

privacyVsGoogle_

Secondo Forbes, questo è stato il secondo errore di Larry Page. Lo ha chiaramente detto in un articolo che riporta proprio questo titolo: Larry Page’s Second Big Mistake, nel quale spiega che il primo errore di Google è stato integrare il suo social, Google +, a YouTube e il secondo è la seconda integrazione, che questa volta tocca una delle poche aree del web ancora protette da privacy, la mail.

Ieri, infatti, Larry Page ha dato notizia che nei prossimi giorni tutti coloro che hanno un account Gmail potranno essere raggiunti da chiunque ne abbia un altro proprio attraverso Google +. E il tutto avverrà automaticamente.

Non solo Forbes ha lanciato il suo grido di protesta contro questa ennesima violazione, o comunque un ennesimo attacco, alla privacy degli utenti di Internet: insieme al magazine anche molte altre testate specializzate in tecnologia e, soprattutto, chi usa un account Gmail che teme di potersi vedere invadere la propria casella di messaggi di emeriti sconosciuti.

Ma non tutto è perduto. Anche se con un po’ di pazienza e di tentativi si possono cambiare le impostazione della propria casella Gmail per evitare il disastro. Ma andiamo con ordine e procediamo prima a vedere di cosa si tratta questa integrazione e come influirà sulle prestazioni della mail e, poi, cercheremo di capire con una piccola guida come interagire sulle impostazioni del proprio account per proteggere al meglio la privacy.

Come funziona l’integrazione tra Gmail e Google +?

Avete mai iniziato scrivendo una e-mail a qualcuno per rendersi conto a metà della compilazione che non avete l’idirizzo email del destinatario che volete raggiungere?

Inizia così il post che David Nachum, Product Manager di Google ha scritto per annunciare a tutti coloro che hanno un account di posta elettronica di Big G da ora in poi saranno facilitati nel raggiungere chiunque, anche se non lo si conosce.

Se la vostra risposta è sì, continua Nachum, allora siete fortunati, perché ora sarà più facile per le persone che utilizzano Gmail e Google + connettersi tramite email.

La novità, infatti, è che quando si sta compilando il campo del destinatario nella finestra di scrittura, GMail suggerirà automaticamente Come estensione di alcuni miglioramenti precedenti che mantengono contatti di Gmail automaticamente gli utenti ai quali siete connessi tramite Google+, anche se non si conosce il suo indirizzo email.

In pratica, grazie a questa integrazione, basterà scrivere il nome dell’utente sul campo destinatario della mail dove, come accade già ora, verranno suggeriti dei nominativi ma, a differenza delle impostazioni attuali, non ci saranno solo quelli della propria rubrica, ma anche tutti quelli di Google +.

Purtroppo, e questo è ciò che ha dato adito alle proteste degli internauti, Gmail si aggiornerà automaticamente – in questi giorni tutti gli utenti di Google stanno ricevendo delle email che li avvertono del cambiamento in atto – nel giro di circa 24 ore, anche se da Mountain View hanno cercato di addolcire la pillola limitando le possibili scocciature agli utenti.


Infatti, come si legge nella mail mandata da Big G, i messaggi in arrivo attraverso Google + saranno filtrati dalla casella Gmail: le email che arrivano dagli estranei, ovvero persone non appartenenti alle vostre cerchie di Google +, saranno archiviate nel tab social della casella (la divisione in Personale, Social e Promozioni esiste già da tempo), mentre quelle degli utenti delle vostre cerchie arriveranno nella casella Personale.

Altro piccolo baluardo della privacy rimasto in piedi è l’indirizzo e mail: chi manda una mail tramite Google + senza avere alcun contatto con l’utente destinatario non visualizzerà l’indirizzo email, ma solo il nominativo, e non lo conoscerà mai a meno che il destinatario della mail non decida di rispondere.

Le reazioni degli utenti e degli esperti all’integrazione tra Gmail e Google +

Non si contano i tweet di protesta legati all’hashtag #Gmail in queste ultime ore. Gli utenti della casella di posta elettronica di Big G non sono affatto contenti di questo attentato alla loro privacy, perché in fondo il problema è questo e, per come Google ha impostato tutta la faccenda, non è da escludere una emorragia di utenti verso altri provider.

Il nuovo servizio, infatti, verrà attivato in automatico e solo attraverso una procedura non proprio semplice si possono modificare le impostazioni per avere tutto come prima: è la differenza tra op-in e op-out, ovvero la differenza tra le innovazioni e gli aggiornamenti che si può scegliere di avere e quelli che, come quest’ultima trovata di Google, sono attivati in automatico per i quali è necessaria la disattivazione da parte dell’utente.

Se volete divertirvi un po’ leggendo cosa hanno detto le principali testate sull’argomento, leggete il post di Mashable e quello di Forbes.

Come si fa a modificare le impostazioni per non ricevere email da Google+?

Rassegnatevi, se non è ancora successo a breve nella vostra casella email inizieranno ad arrivare missive da chiunque possegga un account su Google +. Come si può intuire dalle reazioni degli utenti e della stampa, questa novità non è affatto piaciuta, neanche con le limitazioni messe di default all’invasione delle email da sconosciuti da parte di Big G. Unica soluzione è cambiare le impostazioni di Gmai, per farlo basta seguire le indicazioni qui sotto.

1. Andare sull’icona dell’ingranaggio in alto a destra di Gmail e cliccare su Impostazioni.
2. Una volta nella pagina delle impostazioni, rimanere sulla scheda Generale e scorrere verso il basso fino a trovare “E-mail tramite Google+”.
3. Cliccare sulla finestra di dialogo a discesa che ha “Chiunque si trovi su Google+” impostata di default e modificare l’impostazione per il livello di privacy che desiderato. Le impostazioni di privacy sono disponibili Chiunque su Google+, estesi Circles, Circles o No One.
4. Cliccare su Salva modifiche in fondo alla pagina delle impostazioni dopo aver finito, così i cambiamenti privacy avranno effetto sul vostro account Gmail.






Tags:

Lascia una risposta