Google Car sempre più sicure: adesso riconoscono anche i bambini

Se guidate, spesso vi capita di imbattervi in bambini che attraverso la strada in modo imprevedibile, mettendo a rischio se stessi e la loro incolumità. Guidare lentamente in prossimità di zone popolate da bambini – all’uscita dalle scuole o vicino ai parchi pubblici – è sempre un’opera di prudenza pressoché obbligatoria, ma le auto a guida autonoma come fanno a riconoscere queste situazioni? Le Google Car ci riescono eccome: riconoscono i bambini e sono più prudenti in zone delicate. 

Un test su questo argomento è stato fatto nella scorsa notte di Halloween, quando Big G ha chiesto ad alcune famiglie di passeggiare vicino alle Google Car, affinché queste ultime imparassero a riconoscere i bambini – mascherati o meno – attraverso il loro sofisticato sistema di sensori. Il test è stato compiuto con successo e ora si può affermare che le Google Car risultano ancora più prudenti e sicure.

Come affermano i vertici di Google, si vuole insegnare alle Google Car “a guidare con maggiore cautela in presenza dei bambini“. Cosa succede quando le Google Car circolano in zone delicate? “Se i sensori riconoscono i bambini, il software capisce che i veicoli devono comportarsi in modo diverso. I movimenti dei bambini possono essere infatti più imprevedibili rispetto a quelli degli adulti e la loro presenza può essere nascosta dai veicoli parcheggiati”.

Un problema non indifferente, insomma, che però le Google Car sembrano aver risolto. Al momento, circolano ben 48 veicoli targati Google nelle strade della California del Texas, i quali hanno percorso più di 2 milioni di chilometri a guida autonoma e più di 1,5 milioni di chilometri con conducente. L’obiettivo di ridurre gli incidenti e rendere più efficace il traffico stradale sta dando i suoi frutti, ma le prove relative alla sicurezza non sono mai troppe. Qualcosa ci dice che quando le Google Car saranno messe in commercio, non ci sarà più nulla di cui preoccuparsi. O, almeno, questo speriamo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.