Jobpricing – Arriva il software per il calcolo dello stipendio equo

3 giugno 2014 15:250 commentiDi:

500_soldi

In un mercato del lavoro sempre più confuso arriva intanto uno strumento che prova a fare un po’ di luce sulle retribuzione degli italiani e gli stipendi percepiti. Si tratta di una applicazione chiamata Jobpricing, messa a punto dalla collaborazione tra Repubblica, il quotidiano nazionale e la HR Pros del MIP del Politecnico di Milano, in grado di calcolare quale dovrebbe essere il giusto stipendio per ogni tipologia di lavoratore. 

Gli stipendi medi dei lavoratori dipendenti italiani nel 2013

Il funzionamento di questa nuova applicazione è molto semplice. Basta infatti inserire all’interno dei campi alcuni dati relativi alla propria professione, al ruolo ricoperto in azienda per saper quale dovrebbe essere lo stipendio percepito e se è in linea o meno con l’offerta del mercato. 


Il peso delle tasse sugli stipendi italiani

Ma non solo. Jobpricing è in grado di dire anche quale è il potere d’acquisto da collegare alla propria retribuzione. Come è noto, infatti, in un qualsiasi paese del globo, non è solo importante capire quanto si guadagna, ma anche quale è il reale costo della vita rispetto a tale stipendio. Così l’applicazione è in grado di dire se c’è stata una progressione o una regressione del potere d’acquisto nel corso del tempo.

L’applicazione riesce a mettere in relazione lo stipendio, cioè, con la crescita dei prezzi e dell’inflazione, visualizzando a seconda della categoria di lavoratore quali sono state le perdite o gli incrementi negli anni.

Dalle prime analisi effettuate con questo strumento sono emerse ad esempio spigolature piuttosto interessanti, come quella dell’operaio che dovrebbe lavorare 250 anni circa per guadagnare quanto l’amministratore delegato di un grande gruppo industriale o i dati relativi alla più recente erosione delle retribuzioni da parte dell’inflazione.






Tags:

Lascia una risposta