Home / Tecnologia / Presto in Rete “Illbuster”, il software – poliziotto

Presto in Rete “Illbuster”, il software – poliziotto

pc

Sarà più sorvegliato e pulito, fra pochi mesi, il web che siamo abituati a navigare molte ore al giorno. Verrà infatti messo in rete il nuovo software – poliziotto Illbuster, il programma sentinella che sorveglierà e scandaglierà il world wide web alla ricerca di link e attività sospetti. 

Illbuster è un progetto pilota nato dalla collaborazione tra l’Università Milano – Bicocca, l’Università di Cagliari, l’Ateneo Polacco “Naukowa I Akademicka Siec Komputerowae”, che stanno lavorando assieme all’azienda svedese Netclean Technologies, impegnata già da diverso tempo contro i crimini informatici.

Lo scopo ̬ la realizzazione di un efficiente programma Рsentinella, Illbusster appunto, in grado di individuare eventuale materiale pedopornografico presente in rete, siti che contengono malware Рi programmi che possono subdolamente penetrare nei computer per rubare dati personali e password Рma anche immagini e oggetti contraffatti.

L’individuazione di siti e domini online, sedi di potenziali attività criminose, servirà poi alla polizia e alla guardia di finanza a localizzare e stanare i responsabili nel mondo reale. A questo progetto, infatti, prendono parte non solo le realtà universitarie italiane, ma anche la Polizia Postale – che si occupa in Italia di tutto ciò che concerne alla sfera online – e la Guardia di Finanza. 

Questo software sarà infatti presto dato in dotazione alle forze dell’ordine che oggi combattono il crimine anche attraverso la rete, e servirà sia in fase investigativa che in fase preventiva. Siti e contenuti ritenuti non idonei o affidabili potranno essere oscurati dalla Polizia, che oggi può  però lavorare solo attraverso segnalazioni o attraverso fonti di prima mano, cioè manualmente individuate attraverso internet.

Illbuster servirà invece a velocizzare le attività di analisi e ad effettuare in particolare analisi sui domini utilizzati e su quelli contraffatti attraverso la tecnologia botnet, che oggi viene usata per le attività criminali online.