Troppe notizie false su Facebook: arriva il tasto anti bufale

Le bufale ormai sono all’ordine del giorno sul web. Ogni mese muore un personaggio famoso e purtroppo spesso queste notizie si diffondono grazie al loro potere virale senza che nessuno possa fare niente per fermare il flusso. E allora scende in campo il buon vecchio Facebook che ha deciso di mettere un pò di ordine. Troppa spazzatura sta circolando ultimamente sul social di zuccone che ha deciso di dare la possibilità agli utenti di dire la loro. Come? A breve sarà possibile segnalare le notizie false grazie a un nuovo tasto o pulsante per segnalare che si tratta di qualcosa di non vero.

In effetti ultimamente ad esempio aveva fatto molto scalpore una news che riguardava proprio Fb: il fatto che dal nuovo anno diventasse a pagamento. La bufala si era diffusa sullo stesso social senza che nessuno potesse fermarla.

FACEBOOK A PAGAMENTO? LEGGI QUI

Certo, dobbiamo dire una cosa importante, spesso noi condividiamo le notizie fermandoci al titolo e alla foto senza leggere magari il post, e facendo il gioco acchiappa click dei piccoli e grandi editori che usano Fb come un aggregatore. Il che potrebbe anche andare bene quando si danno notizie reali ma non va bene quando si ha una truffa.

Un portavoce di Facebook Italia ha spiegato a Repubblica che “Segnalare storie che non si desidera vedere aiuta il News Feed a fare un lavoro migliore per mostrare contenuti più rilevanti in futuro”.  Basterà un tasto per bloccare il grande flusso di notizie false? Negli ultimi giorni la bruttissima bufala sulla morte di Marco Mengoni aveva lasciato sotto choc i suoi fans ma per fortuna si era dimostrata la classica notizia falsa diffusa su Fb. Speriamo davvero che questo pulsante possa limitare il flusso di bufale e di notizie nate solo per acchiappare i famosi click. L’opzione è ancora in una fase sperimentale, al momento su 700mila iscritti, ma il social network di Zuckerberg spera che possa epsandersi a tutti gli iscritti: se così sarà o meno dipenderà da come andranno i test.

 

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *