Home / Tecnologia / Vaccarono (Google): +50% dei dispositivi internet pro-capite tra 4 anni

Vaccarono (Google): +50% dei dispositivi internet pro-capite tra 4 anni

Il futuro dell’umanità è sempre più connesso ad internet e nei prossimi anni ci sarà un incremento non solo delle persone che utilizzano il web ma anche degli strumenti di connessione pro-capite, tutto questo all’interno di un significativo balzo del numero delle professioni che potranno essere svolte grazie alla presenza di internet. A rendere note queste prospettive è stato un manager che ha fatto del web e di internet il suo stesso lavoro, Fabio Vaccarono. Il dottoer Vaccarino è managing director di Google Italia e nonchè  membro del management board di Google Emea (Europa, Medio Oriente e Africa). Un pezzo grosso del web, quindi, che è perfettamente titolato a snocciolare quelle che sono le prospettive del domani.

Durante l’Internet Industry che si è tenuto nei giorni scorsi a Roma, Vaccarono messo nero su bianco quelle che sono le prospettive di internet non in un futuro remoto ma nei prossimi 4 anni. Secondo il manager in un lasso di tempo brevissimo il numero delle persone connesse ad internet passerà a 5 miliardi contro i 2,8 miliardi attuali. In pratica i connessi sono destinati a raddoppiare in un periodo di tempo decisamente più contenuto rispetto a quello che è stato necessario per raggiungere il dato dell’anno corrente. Il senso di questo trend è molto chiaro: internet cresce ed è destinato a crescere sempre più velocemente. Il boom delle persone connesse è parallelo a quello del numero delle connessioni per persona, anzi, a voler essere più precisi, l’incremento dei dispositivi collegati alla rete sarà superiore rispetto a quello dei soggetti connessi a causa della tecnologia mobile. Il traffico internet del futuro, quindi, sarà sempre di più in entrata dai dispositivi mobile come gli smartphone.

Tra 4 anni, quindi, si avranno ben 5 o 6 dispositivi di connessione per persona connessa contro i 2 0 3 di oggi. L’incremento delle porte di accesso al web non è casuale ma è invece da addebitare all’arrivo sul mercato di altri dispositivi come i Google Glass e gli smartwatch.

Loading...