Wikipedia in nero contro la legge anti-pirateria

17 gennaio 2012 15:040 commenti

Wikipedia ha annunciato proprio in queste ore un intero giorno di blackout per protestare contro il disegno di legge SOPA, infatti in quest’occasione i contenuti in inglese verranno sostituiti con un agguerrito comunicato. Il blocco si verificherà domani, mercoledì 18 gennaio e Wikipedia si unirà al coro di tutti quei siti contrari alla legge anti-pirateria.

Il promotore dell’enciclopedia libera Jimmy Jimbo Wales ha postato l’annuncio:”Attenti studenti! Finite in tempo i vostri compiti. Mercoledì Wikipedia protesta per una legge sbagliata” dando inizio alla rivolta di tutti i sostenitori di Wikipedia. Il disegno di legge promosso dai senatori statunitensi Lamar Smith e Patrick Leahy servirà per distruggere tutte quelle attività online votate alla condivisione illecita di contenuti e quindi la famosa enciclopedia rimpiazzerà la classica homepage con un vistoso comunicato in cui si esortano tutti i lettori a protestare contro questo testo legislativo.

Il fondatore del sito ha specificato che la decisione di oscurare le pagine inglesi è nata in comune accordo con tutta la comunità di utenti, pronta a rinunciare all’informazione con lo scopo di risvegliare le coscienze su questo importante argomento. Il blackout però non è stato accolto positivamente dai vertici di Twitter, infatti Dick Costolo (direttore generale del prestigioso social network) ha fatto sapere che non aderiranno alla protesta perché un business globale non può spegnersi all’improvviso per questioni legislative nazionali. Sulla questione è intervenuta anche la Casa Bianca, la quale si è definita sfavorevole al provvedimento dal momento che il governo non sosterrà leggi che riducono la libertà di espressione, aumentano il rischio di sicurezza informatica, o minano la dinamica globale del potenziale innovativo di Internet.

Tags:

Nessun commento

Lascia una risposta