Mappa mondiale dei pericoli mortali diffusa dalla Bbc

27 aprile 2012 09:300 commenti

È stata stilata dalla Bbc una classifica piuttosto anomala, ma altrettanto interessante. La Bbc ha diffuso la “mappa dei luoghi mortali” della Terra redatta attraverso una serie di statistiche incrociate e arrivate da diverse fonti. Qualche esempio? Secondo la mappa il luogo con maggiore probabilità di morte sembra essere il Sudafrica: il rischio di morire investiti da un guidatore ubriaco è notevole.

L’Australia è invece la nazione nel quale si hanno le maggiori possibilità di essere mangiati dagli squali. In Iraq il rischio maggiore è di morire vittima di un attacco terroristico, mentre a sorpresa in Afghanistan si muore soprattutto per droga (detiene il primato di produttore mondiale di oppio).


Negli Stati Uniti è molto più facile morire investiti da un tagliaerba piuttosto che restare uccisi da un colpo di arma da fuoco. La Repubblica Ceca è il paese in cui resta più alta la possibilità di morire cadendo da una scala, mentre in Ungheriale cadute mortali sono quelle che avvengono addirittura dal letto, l’Honduras detiene invece il primato mondiale delle morti per omicidio. In Salvador si muore soprattutto per la puntura di un’ape, in India per i morsi di serpente e nella Repubblica Dominicana per i morsi di ragno.

DOVE VIAGGIARE NEL 2012

La Russia detiene invece il primato di morti per avvelenamento, la Lituania di suicidi maschili e la Corea del Sud di suicidi femminili. Paesi terrestri come le isole Fiji detengono il primato per le morti per asma, le Mauritius per il diabete. Fra le morte più particolari vanno citati lo Swaziland in cui resta alta la possibilità che si venga colpiti da un fulmine e l’Antartide che detiene il primato nel morire addirittura schiacciati da un meteorite. E a sorpresa il Giappone detiene il primato di morte per vecchiaia.

Attenzione però perché lo studio della Bbc sottolinea anche che le maggiori cause di morte a livello globale restano i tumori, gli attacchi cardiaci e gli incidenti stradali.






Tags:

Nessun commento

Lascia una risposta