Modalità sciopero trasporti 16 dicembre 2011

15 dicembre 2011 18:555 commenti

A partire dalle 21 di stasera iniziano 24 ore di forti disagi per chi usufruisce dei servizi dei mezzi pubblici locali e ferroviari. Altissime, infatti, le percentuali di adesione allo sciopero dei trasporti proclamato unitariamente da quasi tutti i sindacati di categoria, Filt-Cgil, Fit-Cisl, Uilt, Ugltrasporti, Orsa Trasporti, Faisa-Cisal e Fast, che, dopo lo stop di tre ore dei lavoratori del privato di lunedì scorso, proseguiranno la protesta contro il decreto “Salva Italia” e contro i tagli inferti ai servizi di mobilità, messi fortemente a rischio di una drastica riduzione con conseguenze drammatiche sia per i dipendenti del settore sia per i lavoratori dell’indotto.

Dalle 21 di stasera si fermeranno gli addetti agli autobus extraurbani ed al trasporto ferroviario che incroceranno le braccia fino alla stessa ora di domani. Durante le 24 ore di stop saranno garantiti solo i servizi minimi indispensabili (nelle due fasce orarie 6-9 e 28-21) mentre circoleranno regolarmente tre treni a media-lunga percorrenza su quattro inseriti nell’orario Trenitalia che, per tutte le informazioni sullo sciopero, ha attivato il numero verde gratuito, 800 89 20 21.


Da domani prenderà invece parte alla protesta il personale di bus, metro e tram dei servizi urbani. Questi gli orari dello stop nelle maggiori città italiane, ad eccezione di Bologna dove la protesta è stata anticipata ad oggi: a Roma si andrà avanti dalle 8.30 fino alle 17.30 e dalle 20 fino a fine servizio; a Milano dalle 8.45 alle 15 e dalle 18 fino al termine del servizio; a Napoli dalle 8.30 alle 17 e dalle 20 fino a fine servizio; a Torino dalle 9 alle 12 e dalle 15 a fine servizio; a Venezia-Mestre dalle 9 alle 16.30 e dalle 19.30 a fine servizio; a Genova dalle 9.30 alle 17 e dalle 21 fino a termine servizio; a Bari 8.30 – 12.30 e dalle 15.30 a fine servizio; a Palermo dalle 8,30 alle 17,30; a Cagliari dalle 9.30 alle 12.45, dalle 14.45 alle 18.30 e dalle 20 alla fine del servizio.

Altri disagi sono previsti per lunedì 19 quando la protesta proseguirà con lo sciopero dei dipendenti pubblici che incroceranno le braccia per tutta la giornata.






Tags:

5 commenti

  • NON CAPISCONO CHE SCIOPERANDO NON FANNO ALTRO CHE DISTRUGGERE LA NOSTRA MISERA ECONOMIA ANCORA DI PIU’, NON CAPISCONO CHE I POTENTI SE NE SBATTONO DEL TUO SCIOPERO, NON CAPISCONO CHE SCIOPERANDO ARRECHI DANNO SOLO A CHI E’ GIA’ STATO DANNEGGIATO. SI CREA DISAGIO SOLO A CHI E’ PIU’ POVERO DI TE…!

  • E’ vero chi sciopera e’ la rovina Dell’italia gia’ ridotta in miseria, proprio per le persone che aderiscono agli scioperi crolliamo sempre di piu’ , queste persone distruggono le aziende gia’ in difficolta’, non capiscono che grazie a queste aziende possono permettersi di mangiare,sono degli ingrati , non capiscono quanti danni creano all’Italia intera. Vergogna!!!! Quando vi renderete conto sara’ troppo tardi…la vostra azienda non esistera’ piu’ …. E purtroppo poi tocchera’ a noi piccoli, medi e grandi imprenditori mantenervi!!!!!!!!!!……riflettete meglio prendervi un giorno di vacanza.
    Ciao ingrati….

  • Cogli scioperi non si tocca la gente che prende le decisioni sulla finanziaria, ma soltanto la gente che già soffre delle ultime misure economiche. Alla fine, con una media di 3 giorni di sciopero al mese, nessuno in questo paese crede veramente che lo sciopero cambierà le decisioni del governo. Hanno perduto ogni credibilità.

  • In un paese civile (e nel resto del mondo) gli scioperi sono regolamentati per legge; sono vietati o limitati gli scioperi politici, che nulla avendo a che fare con la funzione originaria dello sciopero (strumento di contrapposizione con l’impresa datrice di lavoro di contro ad eventuali abusi di una posizione di forza della stessa), possono diventare (ed in Italia diventano), strumento di ricatto al corpo sociale, o di condizionamento politico al di là e di contro a decisionalità di parti politiche delegate attraverso il responso elettorale.
    Quando si incomincerà a tutelare i REALI diritti dei cittadini contro gli agitatori che manipolano i lavoratori per acquisire un indebito peso politico?

  • qualcuno sa spiegarmi perchè poi gli scioperi si fanno sempre il venerdi?

Lascia una risposta