Gigi Buffon è tornato a difendere la porta bianconera dopo un anno in Francia

    0
    13

    Che esista una corsia preferenziale tra il campo da calcio e il salone del parrucchiere l’avevamo capito da un pezzo. Dal codino di Roberto Baggio negli Anni 90 ai più recenti tagli scultorei di Cristiano Ronaldo, passando per le creste di Balotelli e i trasformismi tricologici di David Beckham, avvezzo a cambiare acconciatura al ritmo con cui sua moglie cambia le scarpe, nel tempo abbiamo visto di tutto un po’: treccine e spazzole, zazzere laccate e chiome sfumate, criniere ossigenate, ciuffi, ciuffoni, ciuffetti.

    Per questo non ci scomponiamo più di tanto davanti all’ultimo look di Gigi Buffon, immortalato durante un viaggio in treno – destinazione, la prima trasferta di campionato – e subito dato in pasto al popolo di Instagram: capelli cortissimi sulle tempie, sulla testa un bouquet di ciocche mezze in piedi che lo fanno sembrare un’ananas, spettinate ad arte (o forse no), schiarite dal sole o dalla mano del barbiere di fiducia.

    Aggiungiamoci gli occhiali da sole piccoletti e tondeggianti, il sorriso che si vorrebbe sornione ma è in realtà vagamente gonzo, il pollice alzato, pure un’inquadratura poco caritatevole che non gioverebbe a un modello, et voilà, Gigi perde tutto il suo abituale sex appeal e diventa Buffon il buffo. A noi strappa un sorriso, e di questo gli siamo grati, ma chissà cos’avranno detto i suoi parrucchieri vedendolo così scarmigliato. Come gran parte dei giocatori di serie A, anche il portiere della Juve – appena tornato in bianconero dopo la parentesi di un anno al Paris Sanit-Germain – è un cliente affezionato di Gennaro Capasso e Luigi Paesano, meglio noti come Les Napolitans, artisti sforbiciatori responsabili dei look di leardi, Dybala e CR7. quali coiffeur, a giudicare dalle foto scattate a Buffon nei giorni successivi, sono già corsi ai ripari, riportando il nostro all’abituale splendore e a più disciplinati ciuffi.

    Allarme pilifero rientrato, dunque. Dopo la breve parentesi divertente, il nostro riprende con dignità posto tra i pali, dove spera di trascorrere ore felici nella prossima stagione – l’ultima per lui prima della dirigenza – per mettersi in tasca i due milioni di euro previsti dal contratto, più bonus legati ai successi di squadra, e superare anche qualche bel record. Quello di presenze in serie A, per esempio, che conta di strappare a Paolo Maldini, e quello di partite nelle coppe Uefa giocate con la Juve, attualmente detenuto da Alex Del Piero.

    Nel mentre anche Ilaria D’Amico, che quest’anno seguirà per Sky solo le partite di Champions e non tutto il campionato, lavora a sua volta a un onorevolissimo primato: quello di ultraquarantenne più bella e in forma del reame. Gli ultimi giorni di vacanza in Salento ce l’hanno regalata così, come vedete in queste fotografie esclusive, floridissima in un costume intero che rivela le sue forme, sorta di Jessica Rabbit in versione marittima. Rigorosamente in nero, costantemente con gli occhiali scuri inforcati, strepitosamente diva nonostante i due ragazzini, i figli Pietro e Leopoldo Mattia, da tenere sotto controllo e intrattenere.

    Ilaria va e viene dal mare, sfila sul bagnasciuga, si sistema con grazia un seno che appare più arrotondato del solito. È arrivato l’aiutino?, ci scappa da chiederci. La domanda è lecita, la risposta rimane sospesa, a voi la sentenza. Certo il décolleté è strepitoso, la generosità di Madre Natura evidente, grande l’invidia nei confronti di una signora che, invece di invecchiare, diventa più splendida ogni stagione che passa. Sarà la dieta, sarà la palestra (cara Ilaria, facci pervenire la tua strategia di allenamento che pure noi ci mettiamo subito al lavoro), sarà che finalmente Buffon è tornato in Italia e non c’è più bisogno di andare e venire da Parigi, con tutto lo stress che questo comportava. Sarà che ridere fa bene alla salute, ossigena le cellule e migliora l’aspetto della pelle. Vuoi vedere che l’effetto-giovinezza è tutto merito di Gigi e del suo bizzarro taglio da… ananas?

    LEAVE A REPLY

    Please enter your comment!
    Please enter your name here