8 Settembre 2019

Ha ragazza della porta accanto a duchessa del Sussex. È un destino segnato quello di Meghan Markle, consorte del principe Harry d’Inghilterra. A otto anni viene invitata alla festa di compleanno della sua migliore amica e per la prima volta prefigura il suo destino. «Sono la vostra regina!», esclama con una coroncina di carta in testa in un video amatoriale che dà il via alle sue due carriere: l’attrice prima e la moglie reale poi.

Tanti gli aneddoti che fanno discutere

Tutto nella sua vita sembra scritto come una sceneggiatura, bugie comprese. E ciò che di lei non si sapeva lo racconta il libro di Cristina Penco, Meghan Markle. Una duchessa ribelle. Alla luce di queste rivelazioni non stupisce l’ennesimo scandalo estivo, che la vede sotto accusa per gli sprechi di denaro speso per andare in vacanza: tre viaggi su un jet privato costosissimo e molto inquinante.

Ma chi è Meghan? Figlia di un direttore delle luci hollywoodiano bianco e di una truccatrice di colore – spesso scambiata per la sua baby sitter – la Markle ha chiaro subito che dovrà combattere contro ogni forma di razzismo. Così, a dieci anni, scrive a una multinazionale e all’allora fìrst lady Hillary Clinton per protestare contro uno spot maschilista che voleva le donne relegate in cucina. Risultato: spot ritirato e una troupe televisiva nel cortile della sua scuola per intervistarla.

Quasi superfluo dire quanto la giovane sia già spigliata davanti alle telecamere. Per sfondare nello showbiz Meghan parte dalle comparsate: Shakira la scarta per il suo videoclip, ma la si può vedere in 1000 oceans di Tori Amos con un vestito blu smanicato. Non ha soldi per aggiustare le portiere della sua vettura; così pare che per mesi vada ai provini passando dal portone posteriore dell’auto per raggiùngere la postazione del conducente.

Questa determinazione nei 2006 le procura la prima occasione importante: la produzione del quiz tivù Deal or no deal la chiama come sostituta di una “valigina”, una sorta di velina. Qui è subito promossa e diventa fìssa. Poi arrivano le parti nei telefilm, il successo con la serie Suits (con le scene sexy che danno scandalo) e il suo blog, The tig, che le garantiscono di mettere da parte 4 milioni di sterline.

Poi il colpo grosso: nell’estate 2016 conosce il futuro marito Harry. In una saletta privata del club Soho House è coinvolta in un appuntamento al buio organizzato da una nobile amica di tutti e due. È amore a prima vista, anche se è difficile credere che Meghan non sappia chi sia il ragazzo con i capelli rossi che ha di fronte. Fin da piccola è sempre stata affascinata dai reali, racconta l’amica al cui compleanno aveva indossato la corona da regina: «Teneva sul comodino un libro della principessa Diana e, anche quand’era sposata con Trevor Engelson (dal 2011 al 2013), voleva trascorrere un mese intero a Londra. Lei vuole essere Lady D 2.0».

È stata brava: solo mosse azzeccate

Che sia stato tutto studiato a tavolino? A gettare un’ombra sull’autenticità di Meghan è un altro passaggio del libro: per prepararsi a conoscere la regina Elisabetta II ha preso lezioni al Rose Tree Cottage di Pasadena, nella contea di Los Angeles, finché non ha imparato tutti i segreti del rito del tè. E, sempre per compiacere la sovrana, nel corso del suo primo Natale a casa Windsor le ha regalato un criceto canterino di peluche che ha incantato i cagnolini di corte: un dono perfettamente in linea con i gadget a basso costo che i reali si scambiano per le feste, come per esempio la cuffia da bagno con la scritta «La vita è una fregatura» che Harry ha preso per la nonna.

L’unica a non essere attratta da Markle Sparkle – la frizzante signorina Markle, come la chiamano i tabloid – è la cognata Kate Middleton. Il primo litigio risale ai tempi del fidanzamento, quando l’ex attrice americana si è rivolta in modo troppo brusco alla servitù facendo sbottare, la moglie di William: «È inaccettabile, lavorano per me e sono io che parlo con loro», avrebbe detto Kate. L’ultimo alla vigilia del royal wedding per il vestitino da damigella di Charlotte, che peraltro condivide con George la passione per gli zii: per Harry hanno coniato il termine funcle un misto tra fun, divertimento, e uncle, cioè zio – mentre di Meghan adorano i crumble allo zenzero e i tortini al cioccolato che la duchessa sforna per loro.

Ha realizzato il suo sogno d’infanzia

E pensare, che ai tempi del matrimonio di Kate e William, la Markle sul suo blog aveva espresso parole di ammirazione verso la futura cognata. «Anche le donne adulte sognano il principe e vivono nella fantasia delle fiabe come le bambine», scriveva. Lei ha inseguito la sua favola con la tenacia e la determinazione di quella bambina che, a soli otto anni, voleva essere regina.

E anche se un trono vero e proprio non lo avrà mai, ha conquistato il cuore di Harry e anche quello di una parte del popolo inglese, che nel suo carattere ribelle e anticonformista intravede una sorta di nuova Lady Diana.

Leave a comment.

Your email address will not be published. Required fields are marked*