iPhone 11 Pro e Pro Max: recensione, caratteristiche tecniche e prezzo

Se il termine Pro nel nome di un Mac o un iPad indica chiaramente a chi è dedicato quel dispositivo, il termine Pro per uno smartphone può fare sorridere. Benché sia evidente che si tratti di una mossa di marketing, Apple l’ha sfruttata al meglio per mettere in evidenza le super prestazioni di questi nuovi modelli. Negli iPhone 11 Pro tutto è curato nei minimi dettagli a partire dalla superficie posteriore realizzata in vetro opaco, in modo da mettere in risalto la cornice in acciaio inossidabile lucido.

Quest’anno, alle classiche colorazioni, grigio siderale, argento e oro è stata aggiunto lo stupendo verde notte. I modelli Pro hanno una certificazione IP68 più avanzata di iPhone 11, e sono in grado di sopportare le immersioni fino a 4 metri per un massimo di 30 minuti. Una delle novità è il nuovo display realizzato con una tecnologia che Apple ha chiamato Super Retina XDR. Si tratta di uno schermo OLED con supporto HDR e una luminosità fino a 1200 nit.

Come da tradizione, non mancano l’ampia gamma cromatica (P3) e la tecnologia True Tone per una visualizzazione più naturale delle immagini. Le dimensioni dei display sono di 5,8 pollici per il modello Pro e 6,5” per il Pro Max. Mentre le risoluzioni sono rispettivamente di 2436×1125 pixel a 458 ppi e 2688×1242 pixel a 458 ppi. Sembrava un obiettivo impossibile da raggiungere, ma messi a confronto diretto con i modelli dello scorso anno, la migliore qualità nella gestione delle immagini è evidente in questi nuovi display. Il cuore dei nuovi iPhone e il chip A13 Bionic con 4 GB di RAM, progettato dalla stessa Apple, il chip è (fino a questo momento) il più veloce processore per smartphone in commercio, in grado di battere senza tanti problemi le attuali CPU che equipaggiano i modelli Android. Secondo Apple, l’A13 Bionic è il 20% più veloce rispetto al potente chip A12 presentato lo scorso anno con gli iPhone X

Tutta nuova anche la sezione fotografica che sfoggia una tripla fotocamera con ultra-grandangolo, grandangolo e teleobiettivo. Ogni fotocamera del sistema può registrare video 4K con una gamma dinamica estesa e una stabilizzazione di livello cinematografico. Con un campo visivo più ampio e un piano focale superiore, l’ultra-grandangolo è perfetto per gli action video. Le tre fotocamere hanno la possibilità di gestire lo zoom continuo, mentre lo zoom audio fa coincidere l’audio con le inquadrature, per un sonoro più dinamico. Il nuovo ultra-grandangolo permette di inquadrare una scena quattro volte più ampia, per foto di paesaggi o elementi architettonici ma anche di primissimi piani.

Il sensore grandangolare, con Focus Pixels, supporta la modalità Notte e migliora sensibilmente le foto scattate al chiuso oppure all’aperto in ambienti scarsamente illuminati. Come per l’iPhone 11. La tecnologia software Deep Fusion, sarà disponibile in autunno con un aggiornamento software, e introdurrà un innovativo sistema di elaborazione delle immagini supportato dal Neural Engine del chip A13 Bionic che elaborerà le foto pixel per pixel in modo da ottimizzare texture, dettagli e rumore in ogni sezione dell’immagine.

Anche a livello software ci sono delle novità che entrano in gioco con i nuovi modelli iPhone. L’interfaccia dell’app Fotocamera è stata riprogettata per sfruttare pienamente il nuovo hardware. Inoltre, potremo registrare i video senza uscire dalla modalità foto: grazie alla funzione QuickTake basterà tenere premuto il pulsante di scatto per avviare la registrazione. Apple ancora una volta ha scelto di fornire un sistema di fotocamere capace di scattare foto perfette con un semplice tocco, demandando il compito di fornire le opzioni più complesse alle app di terze parti che presto invaderanno lo store.

Infine, la fotocamera anteriore TrueDepth è da 12 MP ed è dotata di funzione Smart HDR. Con questa fotocamera è anche possibile registrare filmati 4K fino a 60 fps e slow motion fino a 120 fps. Da segnalare inoltre che la nuova fotocamera ha migliorato le funzioni di riconoscimento del Face ID per lo blocco del telefono, che ora è del 30% più veloce e funziona anche con maggiori inclinazioni della fotocamera. Infine vanno segnalati gli speaker audio che sono più potenti e in grado di gestire i suoni surround, mentre per le connessioni c’è LTE di classe Gigabit fino a 1,6 Gbps e Wi-Fi 6.

La differenza di peso e dimensioni fra i due smartphone è evidente. Parliamo di 144×71,4 mm con uno spessore di 8,1 mm per iPhone 11 Pro, contro 158×77,8 mm con uno spessore di 8,1 mm per iPhone 11 Pro Max. Mentre il peso è di 188 g per il primo e ben 226 g per il Max. Entrambi i modelli sono disponibili nei tagli di memoria da 64 GB,
256 GB e 512 GB nei colori verde notte, grigio siderale, argento e oro, con un prezzo a partire da 1.189 € per iPhone 11 Pro e 1.289 € per iPhone 11 Pro Max. Apple nei suoi store propone la vendita con permuta di un vecchio modello e acquisto a canone mensile. Il prezzo degli altri modelli è di 1.359 € per la versione Pro da 256 GB e 1.589 € per la versione da 512 GB.
Per il modello Pro Max i prezzi sono di 1.459 € per 256 GB e 1.689 € per 512 GB.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*