È diventata famosa per aver ricoperto il corpo di tatuaggi: quanto ha speso (e com’era prima)

Quasi tutto il corpo pieno di tatuaggi. Amber Luke, 24 anni, ha circa 130 in tutto e non ha alcuna intenzione di fermarsi. Australiana, è diventata una star della rete per aver ricoperto quasi tutto il corpo con dei tattoo. Negli anni Amber si è lasciata decorare la pelle del viso, delle orecchie e addirittura ha l’inchiostro indelebile anche sulla lingua e sui bulbi oculari, diventati azzurri con una procedura molto delicata che ha rischiato di farle perdere la vista.

“La procedura per farmi fare gli occhi è durata solo 40 minuti, ma è stata molto intensa e dolorosa. I miei occhi erano aperti mentre una siringa mi è stata iniettata quattro volte per occhio. Sono stata cieca per tre settimane”, raccontava tempo fa a Metro Uk. La passione per i tatuaggi è nata quando era adolescente.

Amber aveva 14 anni e stava passando uno dei periodi più difficili della sua vita. Soffriva di depressione, odiava ogni parte di se stessa, non riusciva a capire cosa volesse dalla vita ed è per questo che ha cominciato a modificare in modo estremo il corpo. Oggi solo su Instagram conta quasi 200mila follower e si fa chiamare “Blue Eyes White Dragon”, ovvero “Dragone bianco dagli occhi azzurri”.

Il suo obiettivo è quello di somigliare il più possibile a un drago e, a questo proposito, durante un recente viaggio negli Stati Uniti ha acquistato anche delle zanne che indossa ogni volta che esce. “Sono molto affilate, riescono a perforare la pelle. Adoro il loro aspetto, ho sempre desiderato delle zanne da vampiro, le considero perfette per il mio look”, ha spiegato.

Leggi anche  Un Posto al Sole, la soap si è interrotta

Domanda più che lecita: quanto ha speso per tutti questi tatuaggi, ma anche piercing e pratiche estreme per diventare la “ragazza drago”? Amber è arrivata a spendere 26mila dollari australiani, ovvero quasi 16mila euro. E come detto non si fermerà qui: il suo sogno è avere il corpo completamente ricoperto di tattoo entro la fine di marzo. E no, se ve lo state chiedendo non si preoccupa affatto di quando dovrà affrontare la vecchiaia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *