Mi Restava 1 Anno di Vita e ho Fatto un Sacco di Cose Brutte

Ciao a tutti! Io mi chiamo Gianna. E penso che tutte le persone vorrebbero conoscere il proprio futuro. Cosa diventeranno, quanti soldi guadagneranno, e quando passeranno a miglior vita. Sembra impossibile, ma anche figo, non è così? Beh, io ti posso dimostrare che non è affatto figo come sembra.

Ero solo una ragazza di quindici anni piena di ambizioni, piani e grandi aspettative. Avevo una famiglia amorevole, amici e un ragazzo. Cosa si può chiedere di più? Ma per qualche motivo, tutto è stato distrutto. È iniziato con alcuni semplici mal di testa, a cui non prestavo tanta attenzione.

Poi, ho notato che ero sempre stanca anche quando mi svegliavo la mattina. Ma ancora una volta, pensavo solo di essere troppo impegnata con gli studi. Una volta, mentre stavo con i miei amici, improvvisamente, sono diventata tutta bianca e mi sono risvegliata su una barella. Era tutto confuso. Ho visto i volti terrorizzati dei miei amici e le voci dei dottori che mi chiamavano. Alla fine, mi sono ritrovata in ospedale. E avevo degli orribili mal di testa.

Mia madre, mio ​​padre e mio fratello erano lì. Ho chiesto cosa fosse successo, e mia madre ha detto che c’era stato un incidente. Ero svenuta. Sono caduta sul marciapiede e mi sono fatta piuttosto male alla testa. I miei amici hanno dovuto chiamare un’ambulanza, ma non c’era nulla di cui preoccuparsi. I medici hanno promesso che sarei tornata a casa non appena avessero avuto i risultati della TAC. Quindi mi sono tranquillizzata.

Ma volevo uscire da quel posto il prima possibile perché tutti quei dottori, e gli ospedali in generale, mi mettevano paura! La mattina pensavo di stare molto meglio. Stavo facendo i bagagli quando all’improvviso il dottore e i miei sono entrata nella stanza. Mia madre era pallida e mio padre guardava per terra. Il dottore era molto cordiale e gentile. Ha fatto delle battute, ma sembrava che volesse dirmi qualcosa di serio. Sentivo come se tutte quelle battute stessero preannunciando qualcosa di brutto.

E poi ha detto quelle parole che hanno rimbombato nella mia testa per cosi a lungo, ancora e ancora: tumore cerebrale, stadio quattro. E nessuno poteva dire quanto tempo mi restava: una settimana? Un mese? Il dottore ha detto che potevo provare con la chemioterapia, ma non avrebbe aiutato molto. L’unica cosa che potevano fare era prescrivermi tonnellate di antidolorifici per aiutarmi a sopportare gli orribili mal di testa e il dolore che avrei affrontato. Beh, non puoi immaginare cosa ho provato. Perché? Perché a me? Ero così devastata e sbalordita che non riuscivo nemmeno a piangere!

Dopo ore a riflettere nel letto, ho raggiunto un accordo con me stessa. Stavo per morire e mi restava poco tempo. Ma l’ultima cosa che volevo fare era passare questo prezioso tempo in un ospedale con una flebo, mentre perdevo i capelli, senza riuscire a muovermi. Non mi sarei sottoposta alla chemioterapia. Era difficile immaginare di parlarne con i miei genitori…non sarebbe stato facile per loro accettare la cosa. Ma sorprendentemente, mi hanno supportata. Il mio medico non ha condiviso la mia scelta, mi ha detto che dovevo rimanere in ospedale sotto controllo medico, ma ho continuato a insistere.

Per sapere come va a finire, guarda il video!

Commenta la Notizia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *