Lutto nel mondo dello sport: muore Poeti Norac a soli 24 anni. Il corpo senza vita della campionessa del surf di origine francese è stato ritrovato sulla Sunshine Coast australiana, nella parte sud di Queensland, dove si era trasferita da diversi mesi per inseguire la sua passione e cavalcare le onde. Le cause della sua morte rimangono ancora un mistero. Gli investigatori stanno vagliando diverse ipotesi e ancora troppe sono le piste di indagine da perseguire. La comunità surfistica perde un membro della sua famiglia.

La campionessa surfista francese Poeti Norac era diventata la numero uno nel Paese transalpino. Si era trasferita da qualche mese in Australia, probabilmente con l’intento di migliorare la propria tecnica di surf in una delle terre madri di questo sport. Le autorità locali stanno investigando sul caso e le notizie faticano a trapelare. La Federazione francese di surf  ha condiviso il proprio cordoglio sul sito ufficiale: “La comunità surfistica ha perso un membro della famiglia, una bellissima persona con un sorriso raggiante, un’artista sul suo longboard il cui entusiasmo illuminava Vendee e qualsiasi altro luogo. Una cerimonia in onore di Poeti verrà tenuta presto, saranno comunicate data e luogo”.

 

“Siamo spiacenti di annunciare, in accordo con la sua famiglia, la scomparsa di Poeti Norac, vicecampionessa di Francia di longboard”, è stato il messaggio pubblicato su Twitter dalla Federazione. Sono stati giorni di ricerca estenuante, durata circa 3 giorni, fino al momento del ritrovamento del corpo senza vita della ventiquattrenne. Nata nel distretto del Vendee, Poeti aveva appreso la tecnica e sviluppato la passione per il surf dal padre. Dieci trofei hanno accompagnato fino a pochi giorni fa la carriera surfistica della giovane, che era riuscita a qualificarsi seconda e terza nella classifica annuale del campionato nazionale. Il suo nome faceva riferimento a un vero e proprio talento.

Leggi anche  Belen e Stefano, Il desiderio più grande della bella però resta || quello di avere un secondo figlio

Una passione, quella per il surf, appresa dal padre e maturata fin dalla tenera età di sei anni. Con determinazione, Poeti è riuscita in pochi anni a qualificarsi nelle vette delle classifiche competitive. In lei era viva la volontà di migliorare la tecnica e l’intensità dell’allenamento, motivi che hanno spinto la 24enne al trasferimento quindi a scegliere un luogo dove poter continuare a crescere professionalmente. Una decina d’anni fa aveva partecipato alle sue prime competizioni, e da allora non aveva più smesso, arrivando a conquistarsi il titolo di vice campionessa di Francia nel 2018. Quattro finali nazionali e dieci vittorie nel Coupe de France: il bilancio è davvero alto e fa della Norac un vero talento. 

 

Poeti era anche una ragazza che, come tante coetanee, amava pubblicare post e foto sulle pagine social. L’ultima foto pubblicata su Instagram risale allo scorso novembre: Poeti appare felice e abbracciata alla sua tavola da surf, inseparabile ‘compagna’ di vita e di competizione. La comunità vuole ricordare la giovane campionessa così come si era soliti vederla: sorridente e forte, pronta a sfidare le onde con il vivo entusiasmo di un talento promettente. Il frutto dei sacrifici di Poeti era già cresciuto, ma andava raccolto: Poeti muore a 24 anni nello sgomento di familiari, colleghi e amici cari.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here