“È riuscita a evitare il carcere solo perché è donna”, così un 31enne britannico, Gary Kirby, ha denunciato la mancanza di una pena detentiva per una donna che lo ha aggredito sessualmente a bordo di un volo senza averlo mai conosciuto.

L’episodio è avvenuto nel bel mezzo di un tranquillo volo di linea col quale l’uomo stava andando in Turchia col figlioletto di appena 10 anni. La brutta scena infatti si è svolta davanti agli occhi terrorizzati del piccolo che non capiva cosa stesse accadendo. Come racconta il quotidiano Metro, anche per questo l’uomo chiedeva una pena severa per la donna, una 38enne britannica risultata ubriaca, condannata però solo a sei mesi con pena sospesa e dunque tornata a casa senza dover scontare alcun giorno di carcere.

Come ricostruito nel processo a suo carico, la donna si è denudata davanti a tutti sull’aereo, si è abbassata i pantaloni e le mutande e ha cercato di fare sesso orale con la vittima dell’aggressione sessuale.

L’uomo ha spiegato di averla incontrata per la prima volta nel terminal dell’aeroporto di Manchester quando lei ha chiesto aiuto e lui si è offerto di chiamare il suo telefono che aveva perso in un negozio. Il 31enne ha spiegato ai giudici che la donna sembrava essere sotto l’influenza di qualcosa, nonostante avesse con sé sua figlia, ma lui non avrebbe mai pensato che potesse lanciarsi in simili gesti

“Mi ha messo una mano sulla gamba e ho dovuto toglierla non meno di cinque volte. Nessuno dovrebbe farlo quando dici loro di fermarsi più e più volte” ha spiegato l’uomo al giornale inglese, commentando amaramente: “L’unica ragione per cui ha evitato il carcere è perché è una donna. Se fossi stato io tra gli imputati per lo stesso comportamento sarei in prigione. Al cento per cento “.

Leggi anche  Critica la moglie per la cena insipida: lei lo uccide con 35 coltellate

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here