Scienza e Tecnologia

A cosa serviva la Muraglia Cinese?

L’idea di costruire muri contro i migranti non è proprio contemporanea. Viene da pensarlo, dai risultati di una missione archeologica in Mongolia diretta da Gideon Shelach-Lavi, dell’Università Ebraica di Gerusalemme, che ha studiato la parte più settentrionale della Muraglia cinese: un terrapieno alto un paio di metri che si estende per 740 km nelle steppe mongole (nella foto, invece, la sezione più visitata, a Badaling, a Nord di Pechino). Migrazioni. Quel tratto fu aggiunto tra l’XI e il XIII secolo e si pensava servisse a bloccare gli invasori nomadi a cavallo. «Ma i nostri rilievi svelano che era troppo bassa e debole per fermare un esercito, e intervallata da 72 strutture che non sembrano forti militari», dice Shelach-Lavi. «Pensiamo quindi che servisse piuttosto a regolare l’afflusso di pastori e altri profughi che, spinti da un raffreddamento del clima, cercavano di migrare verso la Cina, facendo pagare loro un dazio per l’ingresso».

Leggi anche  Apple Watch Series 5, recensione caratteristiche tecniche e prezzo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *