Quanti soldi ha Sylvester Stallone, l’attore che ha picchiato Hollywood

Se apri il profilo Instagram di Sylvester Stallone, la prima cosa che trovi è un uomo che non sembra avere 75 anni (New York, 1946) che porta due pesi enormi fino a raggiungere un sacco da boxe e lo picchia e poi sorride alla telecamera.

Sì, è Sylvester Stallone, il protagonista di leggende del cinema come Rocky Rambo e che sembra che possiamo sentire di nuovo nella voce della versione originale del personaggio di King Shark, nella Suicide Squad, il nuovo film di DC Comics e Warner Bros diretto da James Gunn e che apre in Spagna il 6 agosto. Anche se i fan di Rocky saranno anche fortunati sapendo che Stallone sta ripubblicando Rocky IV, con immagini inedite – quel mitico film in cui Rocky ha combattuto con il russo Drago – e che promette di essere molto meglio della versione del 1985.

Ma mentre tutto questo sta accadendo, in questi giorni Sylvester Stallone, che ha compiuto mezzo secolo lo scorso anno nel mondo del cinema – con più di 50 film alle spalle– continua a fare talk sui social network. I loro profili sono seguiti da più di 13 milioni e mezzo di persone e in essi si possono vedere dai loro incontri con Arnold Schwarzenegger – che confessa di non vedere da un anno a causa della situazione sanitaria – ai video della figlia Sophia,o alle foto del suo ultimo compleanno, il 6 luglio, circondato dalla sua terza moglie e figlie. Tutti hanno migliaia di Mi piace.

La vita di Sylvester Gardenzio Stallone non fu facile. La sua famiglia aveva poche risorse. Sua madre, Jackie Stallone, famosa trapezista, ballerina, proprietaria di una palestra di wrestling femminile, astrologa… è morto l’anno scorso all’età di 97 anni. E suo padre, Frank Stallone, un parrucchiere molto meno popolare di lei – che ha ripetutamente accusato di maltrattamenti – era un uomo duro, di cui Stallone era solito dire: “Mio padre mi ha trattato come era stato educato, con un pugno di ferro. E comunicava schiaffeggiandosi la bocca”.

Nato con un problema di immobilità nella parte inferiore sinistra del viso – dovuto all’uso del pinza durante il parto – questo gli ha causato che durante gran parte della sua infanzia il piccolo Silvestro ha sofferto di bullismo per il suo particolare modo di parlare e che anche, all’inizio della sua carriera di attore, è stato rifiutato in molte occasioni per questo problema. Espulso da diverse scuole – racconta l’attore che in ben 14 occasioni – ha trovato nel calcio e nello sport il modo di incanalare la sua energia e la sua rabbia,e attraverso di lui ha ottenuto una borsa di studio. La sua vita è sempre stata un chiaro esempio di lotta. “Non sono la persona più talentuosa, o la più bella, o la più intelligente, ma ho avuto successo perché non mi sono arresa e ci ho provato ancora e ancora.”

Leggi anche  Questa è l'incredibile collezione di auto Sylvester Stallone che non ti aspettavi

Ha deciso di studiare cinema a Miami. Aveva così pochi soldi che, nei primi anni Settanta, per pagare le sue lezioni, ha lavorato come attore porno in The Party at Kitty and Stud’s. Fu solo quando scrisse lui stesso (e per se stesso) la sceneggiatura di Rocky – come dice lui, ispirato al mitico combattimento del 1975 tra Muhammad Ali e Chuck Wepner – che riuscì ad abbagliare John Avildsen, regista che avrebbe adattato il testo e che avrebbe cercato di rimuoverlo dal ruolo principale – anche se Sylvester rimase fermo. Con questo film avrebbero ottenuto tre Oscar – uno dei quali per la migliore sceneggiatura – entrando a Hollywood attraverso la grande porta. Da lì, tutto (o quasi tutto) è stato successo professionale diventando l’attore più famoso degli anni ’80 e ’90 nei film d’azione.

E sebbene Rocky Balboa e John Rambo gli abbiano portato succulenti benefici – ha un patrimonio netto di circa 400 milioni di dollari– non è solo il cinema che gli ha fatto contare su una delle più grandi fortune di Hollywood. Anche con l’attività immobiliare ha ottenuto ingenti somme di denaro. Vediamo per cosa lo spende.

La crème de la crème: Beverly Hills, La Quinta e Palm Beach

Pochi giorni fa l’attore ha fatto esplodere il mercato immobiliare di Beverly Hills offrendo la sua villa in vendita per 130 milioni di dollari, il prezzo più caro nella storia di questo quartiere esclusivo, anche se poi ha progressivamente abbassato il prezzo fino a lasciarlo a 70 milioni di euro senza che un acquirente fosse ancora apparso. Situata a Beverly Park, con ai suoi piedi l’intera città di Los Angeles, e costruita nel più puro stile da celebrità – cioè con tocchi mediterranei ed enormi giardini – la casa ha 1,5 ettari in cui sorge la casa principale, piena di riferimenti alla sua carriera cinematografica; la piscina per gli ospiti, la spettacolare piscina a sfioro, il centro benessere e la palestra, la sala cinema, il garage con spazio per otto veicoli e il suo studio d’arte. Inoltre, dalla casa principale e dalla piscina – dove una scultura ricorda il suo personaggio in Rambo – gli scorci della città, come si suol dire, sono infarti.

Leggi anche  Pio e Amedeo torneranno ancora in Tv con il loro “Felicissima Sera”

Ma l’anno scorso ha anche messo in vendita la sua casa a La Quinta, per 3 milioni di euro, che ha usato come rifugio per le vacanze e che in precedenza apparteneva a Tom Cruise. L’anno scorso ha acquistato il suo nuovo complesso residenziale a Palm Beach,per 28,8 milioni di euro, per goderselo con la sua terza moglie, l’ex modella Jennifer Flavin e le loro figlie. Sulle rive di un lago, con accesso a una spiaggia privata e circondato da grandi palme, i suoi vicini includono Jon Bon Jovi, Rod Stewart, Ariana Grande e alcuni miliardari russi.

Collezione di opere d’arte che non puoi immaginare

La sua passione per la pittura per rilassarsi sembra non essere una novità. Infatti, l’attore ha sempre detto di essere stato prima pittore e poi attore e sceneggiatore. Del suo lavoro – che alcuni hanno descritto come in sintonia con quello di Jean-Michel Basquiat – ha esposto in tutto il mondo: Svizzera, Russia… e tra pochi mesi, New York, dove vuole fare una retrospettiva del suo lavoro da più di 50 anni. Molti volti familiari di Hollywood hanno alcune delle sue opere sulle loro pareti.

Ma oltre a tutto questo, Sylvester Stallone,i n versa ingenti somme di denaro nell’arte, somme che non trascendono i media a meno che non lo frodano, come gli è successo con la consulente d’arte di New York, Barbara Guggenheim, che era solita chiedergli somme di denaro esorbitanti per opere che non valevano quel prezzo. Così è arrivato a pagare fino a 5 milioni di dollari in molte di queste truffe.

Costosi interventi di chirurgia estetica ogni tanto

Non lo ha mai ammesso ma è chiaro che, nel corso della sua carriera, Stallone ha pagato per numerosi interventi chirurgici che hanno modificato il suo viso – ha anche negato l’uso di steroidi per aumentare i suoi muscoli e nel 2007 è stato arrestato in Australia con 48 flaconi dell’ormone della crescita umano sintetico Jintropin.

Leggi anche  L’Amica Geniale quando inizia?

Qualunque siano le loro ragioni per negarlo, sia la mascella che il collo sembrano aver subito allungamenti. Anche il classico lifting di palpebre superiori e inferiori, sopracciglia, ritocco labbra… e in generale, non avrebbe risparmiato nell’uso del Botox che si è formato in quel volto giovanile altre caratteristiche … Tuttavia, sembra che negli ultimi anni abbia scelto di smettere di usare la tintura per capelli e mostrare un po ‘i suoi capelli grigi. Riuscirà a convincersi che c’è vita oltre l’eterna giovinezza?

Gli orologi, i loro tesori

Ma se c’era qualcosa di prezioso e desiderato dal grande Stallone nelle riprese dei suoi film, quelli erano i suoi orologi. In tutta la sua filmografia lo abbiamo visto guardare da Rolex e Cartier a Richard Mille o Panerai. Anche la casa d’aste Phillips è arrivata al punto di vendere cinque dei suoi orologi per oltre 3 milioni di dollari. E alcune di queste aziende e modelli di orologeria, come il Luminor di Panerai, sono diventati tutto negli anni Novanta.

Il suo garage non sarebbe stato da meno

Molte auto sportive sì, ma anche, e come potrebbe essere meno, fuoristrada e, naturalmente! Limousine. Un po’ di tutto per una delle grandi star del cinema d’azione. E anche se in coincidenza con la premiere di Rambo: Last Blood abbiamo fatto una recensione della sua incredibile collezione di auto,ne citiamo qui solo alcune per darvi un’idea del livello che custodisce: Aston Martin DBS, la Bugatti Veyron,la Camaro Custom,una Corvette del 1968, Ferrari, Porsche, Bugatti e Rolls-Royce… E si somma e va avanti.

Solo un anno fa, vendeva una della sua collezione, la sua Cadillac Escalade,per300.000 euro perché secondo Stallone: “Non ho più bisogno di questo bellissimo veicolo”. L’interno con schermo da 12 pollici e spazio per riunioni e bevande, ha sedili con massaggio, raffreddamento e riscaldamento, poggiapiedi elettrici, finestre oscurate, Wifi wireless con connessione ottimale e solo 1.600 chilometri.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.