Michael Schumacher, le ultime notizie e tutto quello che devi sapere

Michael Schumacher è ancora molto nella mente degli appassionati di Formula 1,nonostante il fatto che il suo vero stato di salute sia sconosciuto da quando ha subito il terribile incidente che lo ha tenuto lontano dalla vita pubblica alla fine del 2013.

Michael si era appena ritirato dalla F1, aveva terminato la sua seconda tappa in campionato e si stava godendo un altro dei suoi sport preferiti in Francia: lo sci. Ora, un documentario su Netflix ha portato alla luce alcune testimonianze sulla sua vita attuale.

Michael Schumacher sarà sempre uno dei più grandi piloti della storia della Formula 1,anche se purtroppo da quasi otto anni il suo nome non fa notizia per i suoi successi, il palmares o la carriera, ma per l’assenza di notizie sul suo stato di salute

Dal 2013, Michael sta lottando per la sua vita e per riprendersi il più possibile dalle ferite subite in quel fatidico 29 dicembre.

L’incidente di Michael Schumacher,sciatore esperto e dilettante, è avvenuto quando ha colpito una roccia nella località francese di Méribel, nelle Alpi francesi, dopo essere uscito di pista per aiutare un amico. Questo forte colpo gli ha mandato in frantumi il casco e gli ha causato un grave trauma cranico, per il quale è stato ricoverato in un ospedale della città di Grenoble.

Alle porte di esso, i fan di tutto il mondo sono venuti a mandargli incoraggiamento e mostrare il loro sostegno. Schumacher è stato in coma indotto per sei mesi e poi, dopo essersi svegliato, a giugno, è stato trasferito in una clinica a Losanna, in Svizzera, più vicino alla sua residenza a Gland.

Mesi dopo, a settembre, è stato portato a casa, dove viene curato da un team di medici, assistenti e fisioterapisti. Si dice che un paio di anni fa il campione del mondo sia stato trasferito in una casa a Maiorca,ma è qualcosa che non è mai stato confermato.

Le notizie che trascendono da quando Michael ha lasciato l’ospedale sono arrivate con contagocce, e in molti casi sono semplicemente voci infondate che vengono debitamente screditate dal manager dell’ex pilota, Sabine Kehm,o dichiarazioni che non contribuiscono molto.

Sfortunatamente, durante questo periodo ci sono state anche storie terribili di personaggi che hanno cercato di rubare rapporti medici sulle condizioni di Schumacher o addirittura di intrufolarsi nella sua stanza d’ospedale o in casa per fotografarlo.

Una delle poche fonti autorevoli sullo status di Michael Schumacher è Jean Todt, che è stato il suo capo nel team Ferrari per più di un decennio, attuale presidente della FIA e uno dei suoi buoni amici. È una delle persone che possono venirvi a trovare a casa sua in Svizzera. Il francese, infatti, è arrivato a dire qualche tempo fa di aver visto una gara di Formula 1 con Michael.

Lo stesso Todt ha anche recentemente rivelato che potremmo presto conoscere i dettagli sulle condizioni di Michael Schumacher. Potrebbe riferirsi al documentario “Schumacher”, che è stato girato dal 2018 e potrebbe vedere la luce del giorno in pochi mesi.

Il nuovo documentario ‘Schumacher’ su Netflix è stato girato con il permesso e la collaborazione della famiglia Schumacher. Grazie a questo, ha immagini private della traiettoria e della vita del tedesco, così come testimonianze di Corinna Schumacher (moglie di Michael) e dei loro figli, Gina e Michael.

Grazie a loro, saremo in grado di avere un’idea di com’è la vita di Michael oggi e di come è cambiata la vita di tutta la famiglia da quel dicembre 2013. Di seguito riproduciamo alcune delle parole che si possono sentire in ‘Schumacher’.

A Méribel, prima dell’incidente (Michael) mi ha detto che la neve non era in condizioni e che potevamo andare a Dubai per fare paracadutismo”, ricorda Corinna nei brillanti ultimi minuti del film.

“Non ho mai incolpato Dio per quello che è successo, è stata sfortuna e non puoi avere una fortuna peggiore di quella. È terribile quando dici perché questo è successo a Michael o perché è successo a noi e non ad altri”. “Mi manca Michael ogni giorno e non solo io, ma anche i bambini, la famiglia, suo padre… e tutti noi che eravamo con lui.

A tutti manca, ma Michael è qui, è diverso ma è qui e penso che questo dia forza a tutti noi. Viviamo tutti insieme a casa, facciamo i suoi trattamenti e tutto il possibile per renderlo migliore, confortevole e può sentire i nostri legami familiari e, non importa cosa, farò tutto il possibile “, continua.

Cerchiamo di continuare la vita che avrebbe voluto, privato è privato, come diceva sempre. È importante che tu continui ad avere la tua privacy. Michael ci ha sempre protetto e ora lo proteggiamo”, aggiunge sua moglie.

“Quando penso al passato, vedo nella mia testa per lo più immagini di noi quattro che ci divertiamo. Ho nella mia memoria immagini di noi che facciamo corse di kart in campagna, a cavallo o in qualsiasi altro momento. Sono tutti ricordi felici”, dice Mick, suo figlio.

“Dall’incidente, queste esperienze, questi momenti che suppongo molte persone abbiano con i loro genitori, non ci sono più o sono molto meno. Penso che sia un po’ ingiusto, dice suo figlio Mick.

“Penso che papà e io ci capiremmo in modo diverso ora, se non altro perché parleremmo la stessa lingua, la lingua del motorsport e dello sport,e avremmo molto di più di cui parlare. Darei qualsiasi cosa per averlo oggi”, aggiunge l’attuale pilota Haas F1.

Mick Schumacher, figlio di Michael, pilota di F1 nel 2021

Il cognome schumacher è stato ancora una volta presente sulla griglia di partenza della Formula 1 nel 2021. Mick Schumacher, figlio di Michael, incoronato campione di Formula 2 nel 2020, gareggerà quest’anno per il team Haas F1. Il 22enne fa parte della driver academy della Ferrari ed è stato uno dei debuttanti più attesi.

A causa delle scarse prestazioni della Haas VF-21,l’unica cosa su cui Mick può concentrarsi in questa stagione di apprendimento è aggiungere il maggior numero possibile di chilometri per dimostrare alla Ferrari che ha un futuro in F1.

Al momento, il tedesco sta facendo prestazioni solide – anche se commette anche errori tipici di un rookie così com’è – anche se purtroppo il suo unico rivale possibile è il suo compagno di squadra Nikita Mazepin.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.