Il cancro al polmone colpisce la trachea, i bronchi o gli alveoli polmonari. Questo foglio informativo affronta nello specifico i due tipi principali di cancro al polmone, che si manifestano con maggiore frequenza. Le due categorie principali di cancro al polmone sono le seguenti: • Cancro al polmone non a piccole cellule (Non-Small Cell Lung Cancer, NSCLC) Circa il 70‑80% delle persone affette da cancro al polmone soffre di NSCLC. Le forme più comuni di NSCLC sono l’adenocarcinoma e il carcinoma a cellule squamose. Le forme più rare sono trattate nel nostro foglio informativo sui tumori polmonari rari, disponibile sul sito internet dell’ELF. • Cancro al polmone a piccole cellule (Small Cell Lung Cancer, SCLC) Circa il 20% delle persone affette da cancro al polmone soffre di SCLC. Questo foglio informativo non include informazioni sul mesotelioma, un tipo di cancro che si sviluppa nel rivestimento che circonda i polmoni ed è generalmente causato dall’esposizione alla polvere di amianto. Ulteriori informazioni sulle malattie polmonari professionali sono disponibili sul nostro sito internet.

Messo a punto dagli scienziati del Centro d’Immunologia Molecolare (CIM), l’applicazione del farmaco mostra risultati che lasciano ben sperare, bloccando la crescita del carcinoma e aumentando la sopravvivenza dei malati con un miglioramento della qualità di vita dal momento che non provoca effetti secondari come chemioterapia e della radioterapia. Tania Crombet Ramos, ricercatrice del Gruppo di Imprese BioCubaFarma, ha riferito a Granma che il vaccino si somministra per via intramuscolare e il suo alto livello di sicurezza facilita l’uso a un livello d’attenzione primaria di salute. Cimavax-efg nel 2008 ha ottenuto la sua prima registrazione sanitaria a Cuba concessa dal Centro per il Controllo Statale dei Medicinali, gli Strumenti e i Dispositivi Medici (CECMED), mentre oggi viene adottato anche in Argentina, Colombia, Perù, Paraguay, Bosnia-Erzegovina e Kazaquistan.

Leggi anche  Kate Middleton, il segreto della sua bellezza

Da Cuba, paese con uno dei sistemi sanitari pubblici più all’avanguardia del mondo, una buona notizia per i malati di tumore. Circa 5mila pazienti cubani sono stati trattati con il vaccino terapeutico Cimavax-efg contro il cancro del polmone avanzato con cellule non piccole, il più mortale e frequente dei tumori maligni di questo organo vitale.

Più d circa 5.000 pazienti cubani sono stati trattati con il vaccino terapeutico Cimavax-efg contro il cancro del polmone avanzato con cellule non piccole, il più mortale e frequente dei tumori maligni di questo organo vitale.

Creato da specialisti del Centro d’Immunologia Molecolare (CIM), l’applicazione del farmaco mostra risultati promettenti, fermando la crescita del carcinoma e aumentando la sopravvivenza dei malati con un miglioramento della qualità di vita, oltre a presentare una bassa tossicità e un’adeguata tolleranza, dato che non provoca gli effetti secondari della chemioterapia e della radioterapia.

La Dottoressa in Scienze Tania Crombet Ramos, investigatrice di questa istituzione che appartiene al Gruppo di Imprese BioCubaFarma, ha riferito a Granma che il vaccino si somministra per via intramuscolare e il suo alto livello di sicurezza facilita l’uso a un livello d’attenzione primaria di salute.

Nel 2008 ha ottenuto la sua prima registrazione sanitaria in Cuba concessa dal Centro per il Controllo Statale dei Medicinali, gli Strumenti e i Dispositivi Medici (CECMED), mentre oggi è registrato anche in Argentina, Colombia,

Perù, Paraguay, Bosnia-Erzegovina e Kazaquistan.

Dal punto di vista di proprietà intellettuale, lo sviluppo del promettente prodotto ha generato due patenti d’invenzione, una vigente in 80 paesi sino al 2028, includendo Europa e Stati Uniti.

Attualmente sono in corso alcune prove cliniche con Cimavax-efg in istituzioni d’Europa, Asia e Stati Uniti dove si realizzano nel Roswell Park Cancer Institute, di Nuova York.

Leggi anche  Natale 2019 Napoli, arriva anche il pandoro di pizza

Tania Crombet ha sottolineato che le proiezioni del vaccino comprendono l’esecuzione di nuove investigazioni destinate a valutare gli effetti del suo utilizzo combinato con vari farmaci registrati contro il cancro polmonare, valutando le possibilità di uso in altre localizzazioni tumorali e nelle fasi più precoci della malattia.

Fondato da Fidel il 5 dicembre del 1994, il CIM si dedica soprattutto all’ottenimento di nuovi farmaci indirizzati a trattare il cancro e le malattie auto immuni, applicando il concetto di lavoro e ciclo completo delle investigazioni, della produzione e del commercio.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here