Choc in ospedale, infermiere usa la vagina di una paziente come “manichino da ventriloquo”

Un infermiere avrebbe usato la vagina di una paziente come “manichino di un ventriloquo e ha fatto finta di farla parlare di fronte a colleghi inorriditi. William Kennedy “ha fatto a usato la vagina della paziente e ha detto: ‘Ciao, mi chiamo Paziente A’” mentre esaminava la donna durante una visita.

Ma Kennedy ha affermato che la “situazione socialmente imbarazzante” è stata sproporzionata e ha spiegato di essersi “dimenticato di prendere le sue medicine”. L’infermiera ha anche incolpato i testimoni per quello che era successo alla Cwmgelli Lodge Care Home a Blackwood, nel Galles meridionale, al Nursing and Midwifery Council ( NMC), secondo quanto stabilito in tribunale.

Kennedy è stato condannato per i maltrattamenti nei confronti della paziente , peraltro disabile, presso la Corte di Gwent il 20 febbraio dell’anno scorso e ha ricevuto un ordine comunitario. La condanna è stata comunicata al suo attuale datore di lavoro presso il Royal Gwent Hospital di Newport. La NMC ha concordato una serie di condizioni da porre a Kennedy nei prossimi 18 mesi: gli sarà vietato eseguire esami intimi o procedure cliniche e non dovrà essere l’infermiere responsabile di alcun turno. Dovrà inoltre rimanere sotto controllo diretto in ogni momento durante il lavoro e dovrà riferire a un responsabile di linea una volta al mese per discutere della sua professionalità.

Il presidente del panel che ha valutato Kennedy, Philip Sayce, ha dichiarato: “Sono state sollevate preoccupazioni in merito alla condanna del sig. Kennedy durante la discussione dell’incidente con il suo agente di libertà vigilata. Inoltre, vi erano dubbi sul fatto che avesse o meno rivelato i dettagli della sua condanna quando cercava un altro lavoro.” Sayce ha affermato che le prove “hanno sollevato preoccupazioni reali sulla sicurezza dei pazienti”.

Pubblicato in Senza categoria

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *