La maestra prende a calci la bimba mentre sta stesa a terra: nega di averlo fatto ma le telecamere la incastrano

Siamo tutti d’accordo sul fatto che le scuole dovrebbero essere un posto sicuro, dove i ragazzi dovrebbero essere protetti e portati ad amare lo studio? Purtroppo stiamo scoprendo, che non è sempre così! La madre di una bimba di cinque anni, si è battuta affinchè la scuola le mostrasse i filmati registrati dalle telecamere interne. La sua richiesta è scattata nel momento in cui sua figlia di cinque anni, le ha detto che era stata presa a calci dalla sua maestra.

L’incidente è avvenuto durante una lezione nella scuola Bluejacket Flint di Shawnee, nel Kansas. La bimba, ha riferito anche alla madre che quando sua figlia, ha raccontato quello che le era successo ad un altro insegnante, nessuno ha fatto nulla. La madre che ha voluto mantenere l’anonimato per salvaguaradare la figlia, ha riferito alle autorità, di essere andata a riprendere la bimba a scuola, così come faceva ogni giorno.

Aveva notato subito che la piccola era agitata e qualcosa non andava. Credeva ad un litigio tra compagni o al massimo ad una incomprensione o ad un brutto voto. Quando invece la bimba, tra le lacrime le ha raccontato quello che era accaduto, è rimasta basita. Quando sono tornate a casa, la madre, ha effettivamente riscontrato che la piccola riportava degli ematomi e un grosso segno rosso sul braccio.

Ha telefonato immediatamente al preside, ma non riuscendoci a parlare, si è recata nuovamente a scuola. Ha preteso di vedere i video, perchè come lei stessa ha riferito, sperava che tutto fosse solo frutto della fantasia di una bimba. L’insegnante, Crystal Smith, ha dato un’altra versione dei fatti, rassicurando la madre che la piccola, si in effetti si era fatta male, ma che aveva inventato una storia più grande di lei.

Leggi anche  La donna era segregata in casa, costretta a subire ogni tipo di violenza, persino mangiare le foto. Ma c'è un dettaglio raccapricciante

Questa la sua versione: ”Non sono sorpresa che lei abbia dei segni su di lei. Stava strisciando nella libreria. Se ha un ematoma sul braccio, non sono sorpresa perché si è infilata in quella libreria … Voglio dire, lei mi ha preso a calci un paio di volte. Stava allungando la mano verso la libreria tirando fuori i libri e c’erano quelle cose di metallo, metallo, divisorio … Dissi: “No,non puoi farlo”. Così mi sono messo in piedi davanti a lei in modo che se lei lanciava qualcosa, non avrebbe colpito qualcuno!”. La madre, all’insaputa dell’insegnante ha registrato tutta la loro conversazione, così come quella tenuta con il preside e un’altra insegnante.

Quando la donna, ha riferito loro, che non si accontentava delle loro parole e poichè non le facevano vedere i filmati, si sarebbe direttamente recata presso la stazione di polizia a denunciare l’accaduto e che avrebbe consegnato anche le loro conversazioni, una delle insegnanti della piccola, ha ritrattato tutto. Questa la sua versione: “Sua figlia, mi ha detto:” la mia insegnante mi ha colpito “. Le ho chiesto cosa fosse successo e lei ha detto che l’ha colpita con un calcio sul braccio, ma io non ero lì, quindi non sono sicura di cosa sia successo effettivamente”. “La maestra di mia figlia, ha descritto la mia bimba, come una violenta che si dibatteva, che lanciava libri e che avrebbe preso a calci la sua stessa insegnante, ma il filmato mostra qualcosa di molto diverso. Per me vedere quel video, è stato straziante. Tutto quello che ha detto la docente di mia figlia è stata una colossale bugia. Lei, si è seduta allo stesso tavolo con me, ed ha mentito su tutto … mi ha mentito. Ha mentito a tutti gli altri. Sembrava anche davvero convincente, mentre raccontava”. L’ufficio del procuratore distrettuale della contea di Johnson sta esaminando il caso, mentre la scuola ha già agito, ed ha licenziato la maestra.

Leggi anche  Abusavano delle figlie per produrre immagini pedo, arrestate 2 mamme: “Bimba concepita per abusarne”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *