Grave lutto nel mondo del cinema: se ne è andato a 70 anni Paolo Guerra, lo storico produttore dei film di Aldo, Giovanni e Giacomo. Paolo Guerra è morto per via di una malattia fulminante che se lo è portato via rapidamente. In questa giornata di dolore puro, non poteva mancare il ricordo dei tre comici che non riescono a crede che Guerra sia morto. Ecco cosa hanno scritto su Instagram per ricordarlo: “I produttori sono persone bizzarre e talvolta sono votate all’eccesso.

Era il 1993 e da circa sei mesi tempestavamo di telefonate l’ufficio di Paolo Guerra, perché noi 3 giovani comici volevamo lavorare con un produttore importante come si diceva di lui nell’ambiente, ma la segretaria rispondeva che il dottore era impegnato, non era in ufficio, o che era in tournée con uno dei suoi artisti” scrivono commossi Aldo, Giovanni e Giacomo. Un lutto improvviso e terribile che li ha spiazzati. E si legge ancora.

“In realtà Paolo non aveva nessuna voglia di parlarci, non aveva nessun desiderio di incontrare il solito gruppo di cabaret desideroso di farsi produrre uno spettacolo. Ma noi 3 eravamo cocciuti e così un giorno esasperato dall’ennesima telefonata rispose lui urlando e disse: ‘Io affitto il teatro di Cesenatico, voi venite con le vostre quattro scenografie scalcagnate e mi fate vedere il vostro spettacolo’. Non aggiunse di mer*a ma sicuramente lo pensava”, il post di Aldo Giovanni e Giacomo è pino di dolore. 

“Alle ore 15.30 si è aperto il sipario del teatro di Cesenatico, il pubblico in sala era composto da Paolo Guerra, la moglie Emanuela, il figlio Mattia di 4 anni e il cane Saetta, un Labrador color nocciola. Alla fine dello spettacolo Paolo è venuto in camerino tutto raggiante urlando ‘siete riusciti a far ridere anche il cane! Finimmo la serata seduti al ristorante, e dopo il caffè prese la carta marrone su cui era stato servito il fritto di pesce e ci fece firmare il primo contratto.

Leggi anche  Yari Carrisi ultime notizie: chi è, cosa fa, compagna, Thea Crudi

Con quella carta dalla nuance di calamari siglammo un accordo che ci ha portati fino a qua, fino all’ultimo film fatto insieme Odio l’estate”. E chiudono così: “Siamo sicuri che da qualche parte, nell’universo, starà cercando di mettere sotto contratto qualcuno”. 

Visualizza questo post su Instagram

I produttori sono persone bizzarre e talvolta sono votate all’eccesso. Era il 1993 e da circa sei mesi tempestavamo di telefonate l’ufficio di Paolo Guerra, perche noi 3 giovani comici volevamo lavorare con un produttore importante come si diceva di lui nell’ambiente, ma la segretaria rispondeva che il dottore era impegnato, non era in ufficio, o che era in tournée con uno dei suoi artisti. In realtà Paolo non aveva nessuna voglia di parlarci, non aveva nessun desiderio di incontrare il solito gruppo di cabaret desideroso di farsi produrre uno spettacolo. Ma noi 3 eravamo cocciuti e così un giorno esasperato dall’ennesima telefonata rispose lui urlando e disse : “io affitto il teatro di Cesenatico, voi venite con le vostre quattro scenografie scalcagnate e mi fate vedere il vostro spettacolo.” Non aggiunse di merda ma sicuramente lo pensava. Alle ore 15.30 si è aperto il sipario del teatro di Cesenatico, il pubblico in sala era composto da Paolo Guerra, la moglie Emanuela, il figlio Mattia di 4 anni e il cane Saetta, un Labrador color nocciola. Alla fine dello spettacolo Paolo è venuto in camerino tutto raggiante urlando “ siete riusciti a far ridere anche il cane “! Finimmo la serata seduti al ristorante, e dopo il caffè prese la carta marrone su cui era stato servito il fritto di pesce e ci fece firmare il primo contratto. Con quella carta dalla nuance di calamari siglammo un accordo che ci ha portati fino a qua, fino all’ultimo film fatto insieme Odio l’estate. Siamo sicuri che da qualche parte, nell’universo, starà cercando di mettere sotto contratto qualcuno. Ciao Paolo. Aldo Giovanni & Giacomo

Un post condiviso da Aldo, Giovanni e Giacomo (@agg_ufficiale) in data:

Lo scherzo del destino? Paolo Guerra è morto pochi giorni dopo l’uscita in sala di “Odio l’estate” e che sta ottenendo grandi risultati al botteghino. Una laurea in Economia, Paolo Guerra era stato promoter per grandi gruppi rock e collaboratore di Enzo Jannacci. Per quel che riguarda il cinema, la sua carriera è legata a tutti i film di Aldo, Giovanni e Giacomo da “Tre uomini e una gamba”.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here