Redazione 26 Febbraio 2020

L’abbiamo amata, l’abbiamo cantata, abbiamo gioito quando ha vinto il suo primo Grammy e poi ci siamo disperati quando è sparita dalle scene. Stiamo parlando della cantante Duffy, idolo per anni che, di colpo, è sparita senza lasciare traccia. Ora, a distanza di anni, proprio Duffy spiega le ragioni della sua sparizione dalle scene. Una storia agghiacciante che nessuno si sarebbe mai aspettato di sentire. Duffy è stata violentata, drogata e tenuta prigioniera per alcuni giorni.

Per questo ha deciso di stare lontana per anni dai riflettori. Quel fatto l’ha scioccata e ha lasciato profondi segni di disagio dentro di lei. Ora però si sente pronta a parlarne. Lo ha fatto in un lungo post pubblicato su Instagram: “Non potete immaginare le volte che ho pensato di scrivere questa cosa. Il modo in cui avrei voluto scriverlo, il modo in cui mi sarei sentita successivamente” scrive la cantante del Galles che, nel 2008, ha raggiunto il successo con la canzone “Mercy”.

E ha proseguito: “Beh, non sono completamente sicura del perché questo sia il momento giusto e cos’è che mi fa sentire libera ed emozionata nel parlarne. Non riesco a esprimerlo. In molti si sono chiesti cosa mi sia successo, dove sono scomparsa e perché. Un giornalista mi contattò, ha trovato il modo per trovarmi e gli ho raccontato tutto l’estate scorsa. È stato carino e sembrò così bello parlarne”. Duffy vuole liberarsi del suo fardello consegnandolo al suo pubblico. 

Dopo il successo di Mercy del 2008, è seguito il successo del suo primo album “Rockferry”, il più venduto in Gran Bretagna. Pensate, ancor più venduto dell’album dei Take That. Un album che rimase nella top ten degli album più venduti per ben 42 settimane. Un milione e mezzo di copie vendute. Un record. Poi lo choc.

Leggi anche  Bimbo di 4 anni guida a 130 in autostrada, la mamma orgogliosa pubblica il video ma finisce nei guai

“La verità è – e vi prego, credetemi, sto bene e salva, adesso -, sono stata violentata, drogata e tenuta prigioniera per alcuni giorni. Ovviamente sono sopravvissuta. Il recupero ha richiesto tempo e non c’è un modo più leggero per dirlo. Posso dirvi, però, che negli ultimi dieci anni, dopo le migliaia di giorni in cui mi sono impegnata a cercare la luce per sentire ancora la luce nel mio cuore, finalmente il sole è tornato a splendere”.

 

Un fatto raccapricciante che Duffy non si è sentita di raccontare prima: “Vi chiederete come mai non abbia usato la mia voce per esprimere il mio panico. Non volevo mostrare al mondo la tristezza nei miei occhi, mi sono chiesta come posso cantare dal cuore se è distrutto? E pian piano si è ricomposto.

Nei prossimi giorni vi posterò l’intervista, se avete domande da fare risponderò, se posso. Ho un amore speciale e una gratitudine sincera per la vostra gentilezza nel corso degli anni. Siete stati degli amici e vi ringrazio per questo”. In conclusione un appello: “Per favore, questo è stato un gesto difficile da fare, per me, e non voglio intrusioni nella mia famiglia, aiutatemi a farne un’esperienza positiva”.

“Metterò il bikini fino alla morte”. Pubblica questa foto su Instagram e scoppia la polemica: per molti non avrebbe dovuto farlo. Lei, però, difende la sua scelta e la sua idea. Certo, va detto che lei è una vera star…

Leave a comment.

Your email address will not be published. Required fields are marked*