Pasquale Barbaro è morto 38 anni. Era il figlio del re delle griffe della Galleria Umberto di Napoli. Si era sottoposto nei giorni scorsi a un intervento non invasivo per dimagrire alla clinica Pineta Grande di Castelvolturno. Quella clinica, per intenderci, che ha chiuso l’anno 2019 con 350 operazioni per curare l’obesità: quasi una operazione al giorno.

Dopo l’impianto del palloncino gastrico, giovedì nel tardo pomeriggio era tornato a casa. Due giorni dopo, Pasquale Barbaro è stato trovato morto nel suo letto. Sabato mattina, la scoperta nell’abitazione di via Caracciolo. La famiglia chiede chiarezza. E ieri la procura della Repubblica di Santa Maria Capua Vetere – diretta da Maria Antonietta Troncone – ha disposto il sequestro della salma. Ora, nulla è lasciato al caso. Gli inquirenti vogliono vederci chiaro. 

Domani è prevista l’autopsia sul corpo di Pasquale Barbaro, ma il legale che rappresenta la famiglia Barbaro, Bruno von Arx, potrebbe chiedere la presenza di un medico legale di parte. Si allungano tristemente, così, i tempi per i funerali: Pasquale lascia un figlio e una famiglia che lo adorava e che ora non riesce a darsi pace. La magistratura, intanto, ha aperto un fascicolo d’indagine per omicidio colposo, ma non c’è alcun nome nel registro degli indagati. Non ancora, almeno.

Su tutto, scrive il Mattino.it in un lungo articolo, regnano alcuni interrogativi. La morte è legata all’operazione subita giovedì? Come mai Pasquale Barbaro non ha accusato alcun malessere prima? L’arresto cardiaco è sospetto, ma l’operazione potrebbe anche non essere legata a doppio filo con il decesso. Lo stabilirà l’autopsia. Pasquale pesava 150 chili, quel palloncino ingerito avrebbe probabilmente contribuito alla sensazione di sazietà: per lui era l’occasione di una vita migliore.

Leggi anche  Burocrazia, riduzione del personale, pochi posti letto, tempi lunghi: ecco la verità sulla Sanità pubblica

Ma ci sono dei punti oscuri: Pasquale Barbaro , nelle visite precedenti all’operazione, aveva portato con sè il referto di una visita cardiologica eseguita a dicembre. Nei documenti sarebbe emersa una lieve ipertensione che, però, pare non abbia mai causato forti problemi. Altri esami non risulterebbero eseguiti. Ma non è ancora chiaro questo aspetto. Largo il campo delle ipotesi. Si sarebbe, in ogni caso, deciso per l’inserimento del palloncino. Sarà l’inchiesta nelle mani del pm Marta Correggia della procura sammaritana a svelare eventuali falle. Mentre nel reparto di Medicina Legale del Policlinico, il corpo di Pasquale attende di essere analizzato alla ricerca della verità.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here