Una storia toccante, una delle tante, terribili, che arrivano dall’Italia messa in ginocchio dall’emergenza coronavirus. Una malattia terribile, della quale non sappiamo ancora tutto, e che continua a mietere vittime soprattutto al nord Italia. Tra queste Giorgio Tolomeo e Valentina Cirocco, marito e moglie, entrambi deceduti dopo aver contratto il Covid-19 e aver affrontato inutilmente il calvario delle cure ospedaliere. Una storia che è stata raccontata dal sindaco di Sesto San Giovanni, Comune del milanese nel quale i due avevano sempre abitato.

I due avevano rispettivamente 82 e 76 anni e avevano passato insieme la gran parte delle rispettive vite: si erano sposati, infatti, 55 anni fa e da allora erano rimasti sempre insieme. Di recente, purtroppo, la terribile scoperta: entrambi positivi al coronavirus, erano stati ricoverati nella stessa stanza di ospedale, tentando di farsi forza a vicenda per affrontare il nemico comune, invisibile e pericolosissimo. Senza però riuscire a sconfiggerlo: a distanza di pochi giorni si sono entrambi arresi.

“Le mie più sentite e sincere condoglianze alla famiglia e a tutti i loro cari – ha scritto il sindaco – Riposate in pace”. Giorgio e Valentina sono due delle 19 vittime registrate a causa del Coronavirus a Sesto San Giovanni. I casi in totale sono arrivato a oltre quota 250. L’ennesima testimonianza di un’emergenza che in Lombardia si è fatta sempre più drammatica col passare dei giorni: 2500 i contagiati soltanto nell’arco dell’ultima giornata.“I numeri purtroppo non sono molto belli, il numero dei contagiati è aumentato un po’ troppo rispetto alla linea dei giorni scorsi” ha detto il presidente della Regione Attilio Fontana. “Dovremo valutare – ha aggiunto – se è un fatto eccezionale determinato da qualche episodio particolare o se è un trend in aumento, il che sarebbe un po’ imbarazzante. Non so se è arrivato il picco o se ci è sfuggita qualcosa, queste valutazioni spettano ai tecnici, io posso solo dire che personalmente sono preoccupato”.

Leggi anche  Coronavirus, lo studio che apre una speranza contro la malattia

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here