Italia

Ecco come sarà la nuova vita nella “fase due”: lavoro, spostamenti e tempo libero

Il percorso verso la normalità sarà lento e graduale e alcune nostre abitudini sono destinate a cambiare. Tutto dipenderà dall’indice di contagio: quando sarà stabile a 0,5 riapriranno i locali. Per stadi o discoteche bisogna attendere anche oltre

Sarà un percorso lento e graduale quello che ci porterà verso la normalità. Sarà soprattutto lungo. E cambierà, forse per sempre, le nostre abitudini. Perché nella fase 2, quella della convivenza con il coronavirus, ci sarà distanza tra estranei — fino a due metri — ma anche i rapporti con amici e parenti dovranno essere distaccati. A segnare l’andamento della nostra vita sarà l’indice R0, quello che indica il contagio. Adesso oscilla tra 1,1 e 1: una persona ne contagia un’altra.

Per la riapertura di negozi, bar e ristoranti dovremo arrivare stabilmente a 0,5. Per i luoghi affollati come le discoteche, le sale per eventi e convegni, gli stadi la quota cui tendere è ancora più bassa, il più vicino possibile allo 0. Ecco perché esperti e politici si affannano a ripetere che «bisogna rispettare le misure di contenimento». Più rimaniamo distanti adesso, prima potremo ripartire. Ma le indicazioni sull’R0 — unico vero dato attendibile per il comitato tecnico scientifico che deve dare le indicazioni al governo — fanno ben comprendere quanto tempo ancora dovrà trascorrere prima di poter programmare le uscite da casa che non siano per fare la spesa, andare in farmacia o al lavoro. Certamente non accadrà prima di un mese perché bisognerà far passare le festività pasquali e i due lunghi ponti: quello del 25 aprile e del 1 maggio, da sempre occasione per gite al mare o in montagna, scampagnate e pranzi in famiglia. Esattamente ciò che si deve in ogni modo evitare fino a quel «dopo», quando torneremo a vivere ma avremo abitudini molto diverse. Mascherine e guanti sono ormai tra gli oggetti che usiamo con più frequenza e per molti sarà impossibile — anche se non saranno resi obbligatori — farne a meno. Difficile pensare di potersi salutare con baci e abbracci. Ma già il fatto di potersi rivedere sembrerà a tutti una grande conquista.

Leggi anche  ULTIM'ORA TERREMOTO A TORINO,Paura tra la popolazione

Un cittadino milanese va a fare la spesa passando di fronte al murales in via Cassala che mostra una persona con la mascherina per proteggersi dal Covid-19 (Ansa)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *