Gli angeli esisteranno per sempre? E noi possiamo diventare angeli?

La natura degli angeli è prima di tutto di adorazione e di contemplazione e questa adorazione, ed è destinata a non avere fine. Ma non potremmo mai essere uguali a loro. Ecco perchè

La presenza degli angeli è per sempre? Anche dopo il giorno del giudizio? E noi, potremmo diventare come loro, cioè “spiriti celesti”?

Sono interrogativi a cui ci sarà capitato di pensare qualche volta. Le risposte sono entrambe negative. E vi spieghiamo perché.

Natura di adorazione e contemplazione

I teologi hanno a lungo ragionato su una possibile «scomparsa» degli angeli il cui compito cesserebbe il giorno del giudizio. Se la missione degli angeli si limita quindi ad assicurare la salvezza a tutti gli umani, è evidente che l’istante in cui Dio creerà ogni cosa nuova per loro non ci sarà più nulla da fare.

Ma la natura degli angeli è prima di tutto di adorazione e di contemplazione e questa adorazione, questa contemplazione sono destinate a non avere fine.

“Simili” agli angeli

In effetti a un certo punto Cristo dice: «Alla resurrezione, infatti, non si prende né marito né moglie, ma si è come degli angeli in cielo» (Mt 22,30).

In realtà egli non dice che i resuscitati diverranno «degli» angeli ma che saranno «simili» agli angeli. Ciononostante, i teologi ritengono che i grandi santi dell’umanità possano in qualche modo entrare a far parte delle schiere angeliche: gli apostoli della carità, i mistici che ardono di amore per Dio raggiungerebbero così, in tutta giustizia, i serafini; i grandi dottori che mettono la loro intelligenza al solo servizio della scienza di Dio sarebbero associati all’infinita conoscenza divina che irradia nei cherubini; gli asceti che sopportano tutte le privazioni in vista del cielo non sopporterebbero più, allo stesso modo dei troni, che Dio.

Leggi anche  “I CONTAGIATI SONO MOLTI DI PIÙ DEI 2MILA DICHIARATI, FORSE CENTO VOLTE TANTO” L’allarme della virologa Ilaria Capua: non tutte le regioni sono efficienti come la Lombardia

E ancora: gli umili, i dolci, i poveri di cuore regnerebbero in mezzo alle dominazioni; i grandi penitenti che trionfano delle tentazioni e delle ribellioni della carne sarebbero elevati al rango delle virtù; i saggi e i giusti sederebbero in mezzo alle potenze.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *