krzysztof Kieslowski chi è il Google Doodle di Oggi 26 Giugno 2021

“Ho un piccolo giubbotto nei laghi della Masuria e ho intenzione di vivere lì. Passerò del tempo seduto nella mia poltrona preferita sulla terrazza. Avrei molti libri, molte sigarette e un sacco di caffè accanto a me. L’unica cosa che temo è che mi sento troppo bene”, ha detto di recente Krzysztof Kieslowski, uno dei più noti registi dell’Europa centrale, poco dopo aver annunciato il suo ritiro dalla professione. I piani di Kieslowski non possono mai essere soddisfatti. L’autore di Blue, Decalogue o The Double Life of Veronica, che gli è valso fama e premi internazionali, è morto ieri a Varsavia all’età di 54 anni per un infarto. Kieslowski aveva subito un grave infarto l’anno scorso, costringendolo a ritirarsi temporaneamente.

La sua carriera professionale iniziò alla fine degli anni ’60, quando si dedicò alle riprese di documentari. Nei suoi film registrò la vita quotidiana dei polacchi in quel momento: un operaio, un attivista del partito comunista, un portiere… Come confessò Kieslowski, questa formazione documentaria in seguito gli permise di dissiporre la falsità della verità.

Come ha spiegato, ha lasciato i documentari perché ha notato che si spingeva troppo oltre nella vita privata dei suoi protagonisti. “Mi sono reso conto che questo era pericoloso anche per motivi politici”, ha detto Kieslowski in un’intervista.

Prima di passare al cinema, Kieslowski condusse una vita frenetica. Ha detto che durante la sua infanzia e giovinezza ha dovuto “sopravvivere” a 40 mosse, fino all’età di 15 anni ha vissuto con sua madre, un dipendente, e suo padre, un ingegnere edile, in piccole città dove “non c’era né cinema né teatro”. Da quel momento è venuto il grande amore per la letteratura. Quando gli è stato chiesto dei migliori amici, elencava gli scrittori: Singer, Molière, Shakespeare …

A metà degli anni Settanta, Kieslowski iniziò a girare film che in Polonia erano iscritti alla scuola di “cinema dell’irrequietezza morale”. Questo nome è stato usato sotto il regime comunista per definire film che trattavano argomenti vietati. Fino alla fine degli anni Ottanta ha realizzato diversi film di questo genere. Uno di loro, Coincidence, in cui raccontò tre varianti della vita di un giovane membro della gioventù comunista, dovette “aspettare” la sua prima, a causa della censura politica, per sette anni. Kieslowski, tuttavia, non si definì mai un regista politicizzato. Ha sempre protestato quando cercava di mettergli un’etichetta. “Non sono altro che un osservatore”, diceva.

Negli ultimi anni, queste osservazioni si sono concentrate sui problemi più fondamentali dell’esistenza umana: amore, libertà, morte. Questo ruolo di grande moralista diede a Kieslowski fama internazionale. Il suo Decalogo, la Trilogia Blu (Leone d’Oro, Venezia 1993), Bianco (Orso d’Argento a Berlino 1994) e Rosso, più La doppia vita di Veronica, lo rese famoso anche tra ilpubblico. Le cose importanti

Azul ottenne, nella sola Spagna, una raccolta di 300 milioni di pesetas. In Francia, più di 1,3 milioni di persone hanno visto il film. Tuttavia, la popolarità fu l’ultima cosa che Kieslowski stava cercando, un uomo ritirato, non comunicativo e chiuso. In una delle sue poche interviste in tutti questi anni ha dichiarato che prima di tutto era interessato a “incitare le persone a parlare delle cose importanti”.

“Viviamo in un mondo che non sa come catturare la propria idea. Le idee su come ordinarlo erano tenute da Hitler e Stalin. Conosciamo le conseguenze. Mi sembrava che il Papa avesse questa idea, ma poi si è scoperto che non l’aveva nemmeno lui”, ha detto Kieslowski, come sempre qualcosa di scortese e brutale nelle sue dichiarazioni.

In modo altrettanto critico Kieslowski ha parlato del cinema contemporaneo, che a suo parere è in profonda crisi. In un’intervista alla rivista polacca Cine un anno fa, Kieslowski ha dichiarato: “Tutto il cinema mondiale è in una condizione fatale. Ecco perché celebriamo il suo centenario con tale dispiacere. Queste parole sono state pronunciate dal regista dopo che il suo film Red non è stato premiato con l’Oscar. “Il cinema europeo”, dichiarò all’epoca Kieslowski, “sarà in grado di competere con il cinema americano commerciale solo quando registi grandi come Fellini o Bergman faranno la loro comparsa”.

Kieslowski potrebbe svolgere un ruolo del genere. Quando ha annunciato il suo ritiro dal cinema quasi due anni fa, non ha voluto dare ulteriori spiegazioni: “Non c’è mistero”, ha detto, “Me ne vado, niente di più. Il mio ritiro è il modo migliore per non cadere dall’alto. Sapeva che se ne sarebbe pentito, ma ha aggiunto: “Ho ottimi ricordi del cinema e avrei avuto ricordi migliori e migliori. L’abbandono è il metodo migliore per rendere quei ricordi sempre più piacevoli. Cosa farò adesso? Dal vivo, ho intenzione di vivere.

Kieslowski una volta disse: “Ho sempre voluto condurre una vita tranquilla.” Non poteva e non sapeva come farlo.

Potrebbe interessarti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *