Non solo colleghi. Carlo Conti e Antonella Clerici sono anche, e soprattutto, grandi amici. Non c’è dunque da stupirsi se il direttore artistico dello Zecchino d’Oro ha fatto il nome dell’ex padrona di casa de La prova del cuoco per condurre la nuova edizione del concorso canoro per ragazzi. «La mia proposta è stata subito accettata e devo ringraziare anche lei perché, nonostante un momento non facile, ha detto “sì” a questa avventura», dice lui .

È stato lui a proporre di chiamare la Clerici

Effettivamente, come ricorda Conti, i rapporti tra la Clerici e viale Mazzini al momento sono alquanto tesi. La Rai non ha riservato nessuno spazio per la conduttrice nei palinsesti di questa stagione e lei è molto amareggiata. Più di una volta ha lanciato frecciatine alla Tv di Stato, lasciando trasparire la delusione. E Carlo, che sa bene quanto valga la Clerici, facendo il suo nome per lo Zecchino sembra lanciare un messaggio alla Rai: «Senza nulla togliere alle colleghe che l’hanno preceduta, Antonella è davvero una fuoriclasse tra le conduttrici».

Sarà dunque lei a presentare i tre appuntamenti pomeridiani – in onda dal 4 al 6 dicembre – del concorso canoro. La finale, in programma in prima serata il 1 dicembre, li * vedrà invece condurre in coppia. Carlo, tu e Antonella formate una coppia inedita e vincente… «Siamo proprio una bella forzai Ci lega non sono il rapporto professionale, ma anche una bella amicizia, lo, lei e Frizzi siamo sempre stati molto uniti». Che cosa ci dobbiamo a- spetiare da questa prima serata del 7 dicembre? «Un happening divertente, sotto il segno della spensieratezza e dell’allegria, tutto dedicato ai bambini.

Leggi anche  Una vittoria contro il cancro: hanno mappato 2.600 genomi di 38 diversi tipi di tumore. Avremo terapie personalizzate e più precise

Vi immaginate quando verrà decretata la canzone vincitrice dal Palazzetto di Bologna? Sarà molto emozionante Non è che tu e la Clerici, avete qualche progetto in coppia anche il futuro? «Tutto può succedere! Nel frattempo, prima dello Zecchino, ci siamo dedicati alla campagna dell’Aire, la raccolta fondi per la prevenzione e la ricerca sul cancro: un gemellaggio con la Rai che dura da 28 anni. Quando scomparvero Sandra Mondaini e Raimondo Vianello, che erano ambasciatori Aire, proposero proprio a me e ad Antonella di proseguire il loro impegno». Si sta concludendo positivamente anche Tale e quale show 9. «Sono contento! È un programma molto seguito ed è in grado di tirare fuori nomi inaspettati, vere e proprie sorprese, oltre a rilanciare personaggi che per qualche motivo erano rimasti un po’ nell’om- bra. Il pubblico lo ama».

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here