Redazione 3 Gennaio 2020

Lo sapete che il 1992 corrisponde nei giorni al 2020? Se avete un calendario potete riutilizzarlo! Quasi tre settimane di vacanza con soli sei giorni di ferie, che possono diventare ancora di più se si aggiungono altre 24 ore lontani dal posto di lavoro nei primi giorni del 2021. Accade nel 2020, un anno particolarmente generoso di ‘ponti’. E alzi la mano chi non ha un amico o un parente che a inizio anno non si metta, calendario alla mano, a fare il calcolo di quanti ponti ci sono, come sono messi, quali viaggi rendono possibili. Non a caso nel 2019 le partenze degli italiani sono aumentate del 64% a Pasqua e del 27% per quelle di Capodanno.

È anche un gioco di incastri: tra Natale e Capodanno 2020 si potranno fare ben dieci giorni di vacanza (dal 25 dicembre 2020 al 3 gennaio 2021) ‘attaccando’ a festività e ponti appena 4 giorni di ferie. Tra Capodanno e l’Epifania si potrà invece farsi una settimana di vacanza con 4 giorni di ferie. Vediamo dunque il calendario. Si parte subito il 6 gennaio con l’Epifania che cade di lunedì e offre così un’ottima occasione per prolungare le vacanze di fine anno o per organizzare un fine settimana in giro per l’Italia tra manifestazioni folcloristiche, parate dei Re Magi o semplicemente per proseguire con le sciate in montagna.

Il Carnevale comincia il 20 febbraio, giovedì grasso: in ogni angolo d’Italia si celebra con sfilate in maschera e feste per grandi e piccini; tra i festeggiamenti più belli spiccano quelli di Viareggio, Ivrea e Venezia. È un’ottima ‘scusa’ per organizzare una mini vacanza in Italia alla scoperta di antiche tradizioni, ma è anche il periodo migliore per programmare una settimana bianca con tutta la famiglia.

Leggi anche  La moglie è in vacanza, il marito ci prova con la suocera

Pasqua si festeggia il 12 aprile, consentendo di fare una piccola vacanza primaverile prima del 25, giorno della Liberazione, che, però, cade di sabato chiudendo le speranze di soggiorni più lunghi. Per la pausa di Pasqua in Italia si può scegliere una destinazione artistica, come Parma, capitale italiana della cultura, o Livorno che celebra i 100 anni dalla scomparsa del pittore Amedeo Modigliani. Oppure, ancora, Rimini con i 100 anni dalla nascita di Federico Fellini con mostre e spettacoli dedicati.

Il primo maggio, festa dei lavoratori, cade di venerdì: è un lungo fine settimana da sfruttare in qualche città d’arte o al mare per passeggiate e i primi bagni di sole. La festa della Repubblica si festeggia il 2 giugno che è un martedì e quindi si può prolungare il weekend e andare al mare o in montagna per qualche giorno di benessere o di attività sportive. Al mare dell’isola d’Elba, per esempio, o sulle Dolomiti di Brenta per chi ama andare in mountain bike sui numerosi chilometri di tracciati ciclabili panoramici come quello che sale a Patascoss, tappa del giro d’Italia, passa per Malga Ritort e torna a Madonna di Campiglio. Meno fortunate sono le feste del 15 agosto e del primo novembre che cadono, rispettivamente, di sabato e di domenica.

Bisogna aspettare l’8 dicembre che è un martedì e che consente di fare un lungo ponte prima delle vacanze di Natale e magari visitare qualche mercatino natalizio. Non c’è che l’imbarazzo della scelta tra Merano, Trento, Livigno, Aosta ma anche, all’estero, dal Tirolo all’Alsazia, lungo tutto l’arco alpino. Infine c’è Natale che nel 2020 cade di venerdì, proprio come san Silvestro: allungando il fine settimana consente di organizzare una mini vacanza sulla neve, in città come New York o Singapore, o al caldo di qualche resort sulle spiagge più esotiche dei Caraibi o di Capoverde, in Africa.

Leggi anche  Giulia De Lellis dopo le vacanze in Sardegna: "Sennò mi viene il Coronavirus..."

Leave a comment.

Your email address will not be published. Required fields are marked*